Valencia per i bambini. Cosa vedere

Laura Tenebrosi, autore di Family Go

Autore:

Età bambini:  4-12 anni

Valencia è la città perfetta per i bambini e per gli adulti che non hanno mai smesso di esserlo. Questo grazie alla presenza di attrazioni come il Bioparc, la Città delle Arti e delle Scienze, l’Oceanografico, l’acquario più grande d’Europa. E poi il centro storico, a misura d’uomo e di bambino, con dei grandi viali pedonali da poter percorrere a piedi o in bicicletta, così come i parchi, grandi e rigogliosi, dove potersi rilassare e far svagare i nostri bambini in aree gioco attrezzate. Infine la bella spiaggia di sabbia e la nuova Marina Real Juan Carlos I distano solo pochi chilometri, dove assaggerete nei ristoranti sul lungomare la tradizionale paella valenciana.

Viaggio per bambini dai 4 anni – Tempo necessario: 4-5 giorni

LA CITTA’ DELLE ARTI E DELLE SCIENZE DI VALENCIA

Questo meraviglioso complesso, disegnato e progettato gran parte dal famoso ingegnere e architetto valenciano Santiago Calatrava, sorge nella zona meridionale della città, nel vecchio letto del fiume. E’ composto dall’Oceanografic, dal Museo delle Arti della Reina Sofia, dall’Hemisferic, un gigantesco occhio che ospita un planetario e un cinema 3D, dal Museo delle Scienze Principe Felipe e dall’Agora, una struttura polifunzionale ultimata di recente. Qui i nostri figli avranno il loro bel da fare.
Per info: Città delle Arti e della Scienza – Bus n. 19-35-95 – www.cac.es

Oceanografico

Valencia Tunnel OceanograficCome prima cosa ci possiamo immergere nelle acque del famoso e splendido Oceanografico, l’acquario più grande d’Europa su una superficie di 100.000 metri quadrati, con circa 500 specie presenti e più di 45.000 esemplari. L’acquario è diviso in diverse zone, che a loro volta propongono diversi ecosistemi marini. Troviamo la zona dedicata al Mar Rosso, con splendidi pesci multicolore, tra cui le murene, i pesci farfalla, i pesci angelo e il simpaticissimo pesce palla. La zona del Mediterraneo con occhiate, saraghi, tartarughe e mormore. La zona dedicata agli squali, con il lungo tunnel, dove si cammina letteralmente immersi in mezzo a questi enormi bestioni dai denti affilati. La zona polare, con i pinguini, gli affascinanti trichechi che nuotano placidamente nelle fredde acque, il beluga, un simpaticissimo cetaceo che emette suoni quasi assordanti all’interno dell’acquario.
Da non perdere lo splendido spettacolo dei delfini (alle 12,00 – 15,30 – 17,00) che affascinerà tutta la famiglia, per l’intelligenza, la simpatia e la bravura di questi mammiferi. Ma questa è solo una parte di ciò che potete vedere all’Oceanografico di Valencia. Il resto scopritelo da soli… Concedetevi un pranzo nel Ristorante Subamarino, sarà un’esperienza unica, sappiate però che i prezzi sono elevati. www.cac.es/oceanografic/

Il Museo delle Scienze

Valencia museo delle scienzeIl Museo delle Scienze dal di fuori assomiglia allo scheletro di un gigantesco dinosauro, e la visita può essere interessante per bambini dai 7-8 anni in su. All’interno è ospitato uno dei pendoli di Foucault più grandi al mondo. Al primo piano potete trovare uno spazio giochi per bambini più piccoli. Nei vari piani vengono allestite mostre temporanee su vari argomenti scientifici.
www.cac.es/museo/

BIOPARC

Valencia BioparcIl Bioparc è uno zoo privato che si trova nella zona settentrionale della città su una superficie di circa 200.000 metri quadrati, dove sono stati fedelmente ricreati diversi ecosistemi africani: la savana, la foresta equatoriale, il Madagascar e le zone umide.
Quello che il Bioparc vuole trasmettere è il rispetto degli animali, che qui vivono in grandi ambienti, liberi, almeno al nostro occhio, da barriere e gabbie. Convivono insieme, proprio come nella natura leoni con antilopi, struzzi con gnu, giraffe con elefanti. Si può interagire con loro, ma sempre rispettandoli. E’ vietato quindi toccare qualsiasi specie animale e offrire loro del cibo.
Chi viene al Bioparc effettua una “zooimmersion”: è il risultato di un nuovo concetto di zoo, in cui, una volta all’interno, i visitatori riusciranno ad immergersi negli ecosistemi e vivere l’esperienza come se fossero magicamente nel cuore dell’Africa. Inoltre, il prezzo del biglietto d’entrata al Bioparc di Valencia protegge gli animali. Infatti una parte dei profitti del parco vengono devoluti per programmi di protezione e conservazione di specie animali minacciate.
Bioparc, Metro n. 3 oppure 5 fermata 9 ottobre. Bus n. 95 – www.bioparcvalencia.es

PARCHI IN CITTA’- IL GIGANTE GULLIVER

Valencia GulliverValencia presenta numerosi parchi cittadini, in cui poter fare tranquille passeggiate e far svagare i nostri bambini, come il Jardin de Monforte o i Jardines del Real.
Molto frequentato è anche il Parque de Cabecera, dove possiamo noleggiare pedalò a forma di cigno nel laghetto presente. Molto interessante è anche il Jardin Botanico, il più antico di Spagna, dove si trova un sorprendente giardino di cactus.
Ma i più grandi e più frequentati sono i Jardines del Turia. Ricavati dal letto del fiume Turia, deviato per i grossi allagamenti che provocava alla città, rappresentano un importante polmone verde dove si trovano diverse aree gioco per bambini, tra cui quella dedicata al famoso gigante Gulliver. E’ sdraiato per terra come nei racconti, con funi su braccia e gambe che in questo caso servono per salirci sopra, e scivoli tra i capelli e nelle pieghe del vestito.
Sempre in questo parco possiamo noleggiare il risciò, andare in bici o semplicemente sostare in una delle tante ombreggiate panchine presenti.

ITINERARIO DAL CENTRO STORICO ALLA SPIAGGIA

Andiamo subito nel centro storico. Sulla bella Plaza de la Reina possiamo noleggiare un calesse e fare un giro di 40 minuti, visitando la citta’ comodamente seduti. Lo si può prenotare sul posto (dove si vedono i calessi parcheggiati), oppure ci si può rivolgere all’Ufficio Turistico di Valencia, che si trova sempre su Plaza de la Reina.
Per godere invece di un bel panorama a 360° sulla città, possiamo salire sul Miguelete, la torre campanaria. L’accesso è interno alla cattedrale ed è costituito da 207 gradini. Consigliato quindi per chi ha bimbi più grandi.

Tra i monumenti più importanti della città antica vi è la Cattedrale di Valencia. Fu costruita dove un tempo sorgeva la moschea principale della città, dopo la riconquista di Valencia da parte degli Spagnoli nel 1238 con la cacciata degli Arabi. All’interno, sulla destra dell’entrata principale, si trova la Capilla del Santo Caliz. Qui troverete quello che si dice essere (e i Valenciani ne sono fieramente convinti), il Santo Graal, ossia il calice da cui Gesù bevve durate l’ultima cena. E’ ben protetto da una teca in vetro spesso ed è molto diverso da quello che tutti noi abbiamo visto nel famoso film di Indiana Jones!
Il nostro itinerario continua nella romantica Plaza de la Virgen. Cuore pulsante della città, vi si trovano diversi locali dove poter gustare un buon caffè mentre i nostri bambini inseguono i piccioni senza pericoli, visto che tutta la piazza è pedonale.
La famosa Calle de Caballeros parte proprio da qui. Era la principale via della città in epoca medievale e, dopo anni di decadenza, ha ritrovato parte dell’antico splendore grazie anche a generosi interventi statali. Consigliamo, almeno una sera, di cenare in una delle tante piccole taverne del posto. Non ve ne pentirete.

Valencia mercato centraleEmblema di Valencia è anche la Lonja, uno splendido edificio in stile gotico che un tempo ospitava un banca e una borsa merci, nonché luogo d’incontro per i mercanti. Da molti considerato l’edificio più bello della città, è oggi riconosciuto dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità.
Da non perdere ancora il Mercado Central. E’ il luogo invece più emblematico del cibo valenciano. Luogo di scambi fin dall’antichità, questo enorme mercato coperto, il più grande d’Europa, avvolto in una struttura modernista anni ’20, è a dir poco un tripudio di pesci, carni e ortaggi. Se il Mediterraneo la fa sicuramente da padrone con tantissime varietà tra crostacei, pesce azzurro e molluschi, un’altra buona parte del mercato è dedicata all’anguilla e al percebe. La prima proviene dal vicino lago di Albufera, e viene venduta ancora viva e la si può vedere in grandi vasche di vetro. Il percebe invece è un crostaceo che cresce e vive sugli scogli. Non è facile dargli una forma, sembra quasi la zampetta di qualche strano animale… qui entra in gioco la fantasia dei bambini.

Valencia_spiaggiaNel caso in cui nostri figli fossero stanchi di passare da un luogo all’altro camminando, possiamo prendere il tram ad alta velocità che porta fino alla spiaggia di Las Arenas. Si passeggia sul lungomare pedonale, incorniciato da siepi, che lo dividono dai tanti ristoranti che vi si affacciano. Questo è il posto giusto per gustare a pranzo la famosa Paella alla Valenciana.
La spiaggia di Valencia è lunga 3 km e ne dista solo 4 dalla città. Comprende le spiagge della Malvarosa e di Las Arenas. Quest’ultima confina con il nuovo porto Marina Real Juan Carlos I, rimesso a nuovo dopo l’American’s Cup del 2007. Sono allineati lungo la spiaggia di Las Arenas molti locali, per la maggior parte aperti nella stagione estiva, e una nuovissima e attrezzata area giochi per bambini. Una esperienza eccitante per i nostri bambini è quella di fargli fare un giro in catamarano al tramonto. Tutti i giorni durante il periodo estivo, nel periodo invernale solo nei weekend. Potrete trovare maggiori informazioni sul sito: www.mundomarino.es

VALENCIA DA VEDERE E… DA TOCCARE!

A chi sostiene che la storia e l’arte si imparano solo sui banchi di scuola Valencia risponde con un divertente tour guidato organizzato da Turiart e adatto a tutta la famiglia: i monumenti più rappresentativi del centro storico si possono non solo scoprire, con una guida in italiano, ma anche toccare, grazie a dei guanti che verranno consegnati nell’occasione. E a tutti i bambini sarà consegnato un quaderno per gli appunti, ricco di attività e giochi di enigmistica. Leggi…

VALENCIA TOURIST CARD

Il Turismo Valencia accoglie i propri ospiti con la Valencia Tourist Card, indispensabile per risparmiare sulla vacanza a Valencia (soprattutto per quanto riguarda i trasporti e gli ingressi nei musei e nei monumenti cittadini). Sono disponibili sia la Card per gli adulti che quella per bambini tra 6 e 12 anni, che ha uno sconto del 15%. Leggi qui per maggiori informazioni sulla Valencia Tourist Card…

 

Banner Valencia Tourist Card

INFO TURISTICHE

Nel sito ufficiale vi è una sezione “Valencia con i bambini”
www.visitvalencia.com/it

 

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi