Campi di zucche You-Pick: dagli States anche in Europa, scoprite dove sono

Campi di zucche, Galbiate (Mantova)
Letizia Dorinzi, autore di Family Go
Tempo necessario: 1 giorno
Età bambini:  1-3 anni4-12 anni

Una tradizione di stampo prettamente americano sta cominciando a fare capolino anche nel Vecchio Continente. Halloween vuol dire costumi spaventosi, dolcetto o scherzetto e soprattutto zucca. Da intagliare. E da scegliersi. Un po’ come si fa con gli alberi di Natale.

Se si guardano le immagini su Pinterest delle case americane addobbate per Halloween non mancano le zucche di ogni tipo, forma, grandezza. E ovviamente non manca nemmeno lei, la zucca intagliata con la faccia spaventosa, una tradizione che stiamo acquisendo anche in Italia. Cominciano così a spuntare i campi dove andarsi a scegliere la propria zucca. Gigantesca, arancione, verde o dalle forme più strane. Ce n’è per tutti i gusti.

La leggenda di Jack O’Lantern

Le zucche grandi e arancioni non sono commestibili e sono usate principalmente per scopi decorativi e per essere intagliate ad Halloween. La classica zucca con gli occhi e il naso a triangolo e la bocca enorme e spaventosa ha un nome ben preciso nella tradizione anglosassone: Jack O’Lantern.
La notte di Halloween, un fabbro irlandese di nome Jack, ubriacone e taccagno, incontrò in un pub il Diavolo in persona e riuscì a imbrogliarlo facendogli credere che avrebbe venduto la sua anima in cambio di una bevuta. Il Diavolo si trasformò in una moneta per permettere a Jack di pagare ma l’uomo se la mise subito in tasca accanto a una croce, così che il demonio non potesse più liberarsi. Dieci anni più tardi scese di nuovo a patti con il Diavolo imbrogliandolo ancora una volta. Quando Jack morì, fu cacciato dal Paradiso ma nemmeno il Diavolo lo volle all’inferno e gli buttò addosso un tizzone ardente che Jack infilò dentro una rapa per farsi luce. Da allora il fabbro vaga senza meta e senza pace.
Da qui la tradizione di intagliare una zucca e di metterla fuori casa con dentro una candela la notte di Halloween.
Sorgono così tantissimi laboratori a tema, in Italia e in Europa, che consentono di intagliare una zucca e di renderla il più spaventosa possibile.

Juckerfarm in Svizzera e in Germania: la zucca in ogni forma

Campi di zucche, festival della zucca a Ludwigsburg, in Germania     Campi di zucche, Juckerfarm in Svizzera

Se vi stuzzicano le zucche, l’idea di fotografarle e di portarne a casa qualcuna per decorare gli interni, se un viaggio negli USA non rientra nei vostri piani e nel vostro budget, potete optare per la più vicina Svizzera. Sono tantissime le zone in cui, percorrendo semplicemente le strade statali, potete imbattervi in fattorie che vendono zucche ornamentali. Il cantone Vaud nella zona intorno al Lac Leman, per esempio, ne è pieno. Se invece cercate fattorie più strutturate dove ammirare enormi sculture di zucca e prendere parte a diverse attività legate a questo vegetale, Juckerfarm è la realtà che fa per voi.
Sono due le fattorie da visitare nella zona tra Zurigo e Rapperswill-JonaJuckerhof e Bächlihof, a circa mezz’ora di distanza l’una dall’altra. Se poi volete tuffarvi in un mondo davvero incantato fatto di sculture di zucca, allora non potete perdervi il festival della zucca a Ludwigsburg, in Germania vicino a Stoccarda. Il tema di quest’anno è il fantastico mondo delle fiabe e le sculture sono davvero meravigliose.

Un Pumpkin Patch in stile americano in Italia, a Pignatario Maggiore (CE)

Campi di zucche, Pignatario Maggiore, Caserta     Campi di zucche, Pignatario Maggiore, Caserta

Per trovare un vero e proprio Pumpkin Patch, ovvero un giardino gigante con un’infinita distesa di zucche, bisogna andare in provincia di Caserta. Qui sorge Il Giardino delle Zucche in una location che per un attimo fa dimenticare di essere in Italia e fa sognare di essere approdati in New England negli Stati Uniti, dove la tradizione di andarsi ad accaparrare la propria zucca con tanto di carriola è molto radicata. Anche al giardino delle zucche si può gironzolare muniti di carriola per recuperare la zucca più bella per decorare la casa e conferirle un tocco autunnale. Al Giardino delle Zucche si organizzano anche diversi laboratori per bambini e si possono ovviamente acquistare le zucche non ornamentali nella bottega apposita. L’ingresso costa 10 euro a persona e dà diritto a una zucca e alla partecipazione al laboratorio di pittura o di intaglio. Per i bambini sotto il metro, l’accesso è gratuito ma non comprende né la zucca né i laboratori (vivamente consigliata la prenotazione). Il campo è aperto per i visitatori nei fine settimana da fine settembre a fine ottobre (28-29 settembre, 5-6 ottobre, 12-13 ottobre, 19-20 ottobre e 26-27 ottobre). Ultimo orario di ingresso alle ore 16, il campo chiude alle 17.

Il primo campo di zucche You-Pick in Italia, a Galbiate (LC): dal campo alla tavola

Campi di zucche, Galbiate (Lecco)     Campi di zucche, Galbiate (Lecco)

L’Italia vanta una grande tradizione in fatto di zucche e la Lombardia è una grande produttrice. Basti pensare a Mantova dove la zucca è protagonista di numerose sagre e feste e di altrettante ricette. Normale quindi che il primo campo di zucche You-Pick, dove ciascuno può raccogliersi la propria zucca non solo da intagliare ma anche da mangiare direttamente dalla pianta, sia sorto proprio in questa regione. Si trova precisamente a Galbiate vicino al lago di Lecco, si chiama Il Campo dei Fiori, e durante i fine settimana di apertura organizza giochi e cacce al tesoro nel campo dove è possibile trovare zucche di tutte le varietà: violino, butternut, mantovana, Hokkaido e la zucca spaghetti, oltre alle zucche ornamentali.

Campi di zucche, Galbiate (Lecco)     Campi di zucche, Galbiate (Lecco)

Campi di zucche, Galbiate (Lecco)     Campi di zucche, Galbiate (Lecco)

L’ingresso è gratuito e non è necessaria la prenotazione. Il campo sarà aperto nei fine settimana del 27-29 settembre, 18-20 e 25-27 ottobre, il venerdì dalle 14.30 alle 19.30, il sabato e la domenica dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 19.30. Nel mese di ottobre la chiusura sarà alle 18.30.

Tulipania: il campo di zucche You-pick in provincia di Bergamo

Un’altra bellissima realtà consente di gironzolare tra le zucche e scegliersi la propria da portare a casa. Da decorare o mangiare, ognuno ha le sue preferenze. Siamo a Tulipania, una start-up agricola a Terno d’isola in provincia di Bergamo a due passi da Sotto il Monte paese di Papa Giovanni Paolo II e vicino alle provincie di Milano e Lecco. Tulipania ha aperto i battenti da poco, in primavera con i tulipani e in autunno con le zucche diventando un punto di riferimento per le famiglie.  L’obiettivo della start-up è riportare le persone ad avere un contatto con la natura, respirare il profumo della terra e di ciò che ci circonda e che spesso non abbiamo il tempo di apprezzare perché presi dalla frenesia di tutti i giorni.

   

Per tutto il mese di ottobre, ogni weekend, sarà possibile recarsi a Tulipania per camminare tra le zucche, divertirsi nelle aree gioco presenti e fare tutte le foto che si desiderano. L’ingresso è gratuito, si pagano solo le zucche che si raccolgono. Gli orari di apertura sono: tutti i sabati e le domeniche di ottobre dalle 9.30 alle 12 e dalle 14.30 alle 18.30.

 

Copyright: Familygo. Foto di L. Dorinzi; Juckerfarm.ch; kuerbisausstellung-ludwigsburg.de; ilgiardinodellezucchepp.it, tulipania.world.it

 

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi