Gran Canaria avventurosa e sostenibile: viaggio tra foreste primordiali e stili di vita green

Viaggio sostenibile a Gran Canaria, pixabay
Elena Benigni, autore di Family Go
Tempo necessario: 1 settimana
Età bambini:  4-12 anni13-18 anni

Un viaggio nella natura e nella sostenibilità tra montagne, deserti, onde oceaniche, foreste, città e comunità green. Gran Canaria è un’isola incredibilmente ricca di varietà naturali, umane e paesaggistiche, per questo è soprannominata “il continente in miniatura”.

Se amate la natura in tutte le sue sfumature ma preferite un clima sempre mite e soleggiato, l’isola di Gran Canaria vi offre l’incredibile opportunità di esplorare ambienti e paesaggi incontaminati e molto diversi tra loro, sempre tra i 18 e i 24 gradi; con tutte le comodità e la sicurezza di trovarsi in Europa e tutta l’emozione di essere in pieno oceano Atlantico, poco a nord del Tropico del Cancro, a due passi dalla grande Africa.
Las Palmas, la capitale è una piccola e molto accogliente città di mare, con due spiagge molto belle e acque cristalline, dove è possibile fare il bagno 365 giorni l’anno (la temperatura dell’acqua è sempre intorno ai 21 gradi!).

Vita alternativa e green

Viaggio sostenibile a Gran Canaria, Firgas     Viaggio sostenibile a Gran Canaria, permacultura

Il primo contatto che abbiamo avuto a Gran Canaria è stato con la comunità hippy “Rainbow Crystal Land” di Firgas, un paesino sulle montagne a nord dell’isola, a 20 minuti in auto da Las Palmas (un’ora e 15 minuti in autobus). La comunità è gestita da Angeliko, un signore tedesco che vive lì da più di 20 anni e che è contento di ricevere ospiti e condividere esperienze con chiunque voglia fargli visita. Le condizioni sono davvero spartane ma se amate l’avventura e la condivisione è senz’altro un luogo interessante. Un altro luogo particolare si trova nei pressi di Santa Lucia, un piccolo paesino al sud dell’isola, dove Jose gestisce una comunità di persone che vivono in case di legno e cavità naturali (qui potete vedere il video). Anche questa comunità accetta di buon grado visitatori interessati a conoscere il loro stile di vita naturale. Il terzo e ultimo progetto di vita green che consiglio di visitare si trova nei pressi della spiaggia “playa del cura”, una bellissima spiaggia a sud ovest dell’isola, turistica ma non troppo. Si tratta di un progetto di permacultura nel deserto gestito da Efren Gonzalez, dove è possibile anche fermarsi come volontari e apprendere tecniche di coltivazione nel deserto praticamente senza acqua.

Il Picco de las Nieves e le stelle

Viaggio sostenibile a Gran Canaria, Picco Las Nieves

Si giunge a questa spettacolare montagna, con i suoi oltre 1.900 metri, attraversando boschi di conifere e laurisilva, un tipo di foresta primordiale presente ancora solo nelle isole Canarie. L’atmosfera di questo ambiente così antico è resa ancora più magica e suggestiva dalle piccole nuvole spumose, che restano letteralmente incastrate tra gli alberi e le vallate. La strada piena di curve che sale verso il picco è piena di punti panoramici e di incontro, oltre che di sentieri, e quasi in cima si trova l’osservatorio astronomico, che organizza visite guidate tutti i fine settimana e offre varie possibilità di osservazione degli astri.

Scuola di apnea

Viaggio sostenibile a Gran Canaria, scuola di apneaSe siete interessati al blu profondo e amate esplorare il mare in libertà, forse potete avvicinarvi a questa bellissima disciplina, l’apnea. La scuola Emocionapnea, gestita da Enrico e sua moglie, si trova a Las Palmas ed offre corsi e gite per tutti i gusti, dallo snorkeling fino all’esplorazione dei ricchi fondali atlantici.

 

INFORMAZIONI UTILI

DOVE DORMIRE

airbnb a Gran Canaria. Se cercate un appartamento tutto per voi o solo una stanza, troverete offerte per tutti i gusti ed esigenze, e scoprirete che più della metà delle case in affitto sono gestite da italiani. Alcuni offrono la colazione ma se volete mezza pensione o pensione completa non vi resta che cercare un albergo. Le migliori offerte si trovano su www.booking.com.

COME ARRIVARE E COME MUOVERSI

Sull’isola c’è un solo aeroporto, quello di Las Palmas, con voli low cost diretti da Milano e Pisa (Ryanair). L’aeroporto è a 15 minuti di autobus dal centro della città e consiglio questo primo viaggio in trasporto pubblico anche a coloro che vogliano affittare un’auto per girare comodamente tutta l’isola: i prezzi per il noleggio in città sono molto più economici che in aeroporto. In particolare l’agenzia cicar offre forti sconti per noleggi di una intera settimana. Il trasporto pubblico è molto efficiente ma con i bimbi è più comodo girare in macchina.
Se vi trovate già in Spagna è possibile arrivare in nave da Huelva e Cadice, ci vogliono 36/40 ore di navigazione ma le imbarcazioni offrono dal cinema al ristorante, una piccola crociera.

QUANDO ANDARE

Avendo un clima molto mite, Gran Canaria può essere visitata in qualsiasi periodo dell’anno, in inverno potrete avere qualche giorno di pioggia in più. Ci sono due periodi considerati “alta stagione”, quello delle vacanze di Natale, con molto turismo dal nord europa, per la ricerca di mare e caldo fuori stagione, e nel periodo di Carnevale. Il Carnevale delle isole Canarie è famoso in tutto il mondo, secondo solo a quello di Rio de Janeiro, ed è una festa molto partecipata dagli isolani che si organizzano in “murgas”, bande folkloriche di arte di strada che durante un mese, dal 15 febbraio al 15 marzo, animano la festa con spettacoli e improvvisazioni.

COSA MANGIARE

Viaggio sostenibile a Gran Canaria, gofio escaldado, FlickrIl “continente in miniatura” offre ricette tipiche di mare e di monti con contaminazioni gastronomiche da tutto il mondo.
Tra le ricette davvero tipiche vi segnaliamo:
Gofio, una farina di cereali considerata molto nutriente e per questo data insieme al latte ai bambini. Vale la pena assaggiarlo nella versione “escaldado”, con brodo di pesce e menta fresca.
Succhi naturali: la maggior parte di bar e ristoranti offre una buona varietà di succhi naturali freschi, tra cui anche succhi di frutti tropicali, come la pitaya e la guanabana.
Ropa vieja, la ricetta nata per riciclare avanzi di carne e verdure è oggi considerata una prelibatezza e servita nei migliori ristoranti.
Berros, una sorta di spinaci che crescono solo sull’isola, sono il piatto forte di molti ristoranti del nord che li preparano in tutte le salse e che sono appunto noti come “restaurantes de berros”. Uno di questi ristoranti è “EL RINCON DE MARCOS” (Barranco Las Madres 54 Dcha, 35431 Firgas, Gran Canaria, Spagna +34 928 63 66 27), con porzioni molto abbondanti di pani, sformati e creme di berros a prezzi decisamente modici e servizio ottimo.

INFORMAZIONI TURISTICHE

www.grancanaria.com/turismo/it/
www.ciaoisolecanarie.com/gran-canaria
www.gograncanaria.it/guida

 

LEGGI ANCHE: Gran Canaria, un’isola magica per i bambini

 

Copyright: Familygo. Foto di E. Benigni; Pixabay; Flickr/ fernandocarmona

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi