Slovenia in bici e treno, con i bambini, per una vacanza green

Isabella Colombo, autore di Family Go
Tempo necessario: 2 settimane, 1 settimana
Età bambini:  4-12 anni

Scoprire la Slovenia in bici e treno con i bambini è una bella occasione per vivere una vacanza green, tutta in mezzo alla natura e con tante occasioni di divertimento. Da Trieste in treno verso la capitale, Lubjana, e poi in bici lungo gli itinerari più verdi e avventurosi costeggiando i fiumi principali: lungo la Drava da Moribor, lungo il Kolpa nella bella regione di Bela Krajina, lungo la Sava verso il lago di Bled e sulla celebre Parenzana proprio al di là del nostro confine. Si parte!

Una vacanza in famiglia che sia rilassante, attiva, divertente, lontano dalla folla e rigenerante? Slovenia in bici: io e la mia ciurma non abbiamo dubbi. Prepariamo gli zainoni, valutiamo le tappe in treno e, per i tratti più belli, noleggiamo le biciclette. È una formula già testata che mette d’accordo tutti, sposa il nostro nuovo spirito green e il desiderio di fare tanto sport in mezzo alla natura. In estate la nostra scelta cade spesso sulla Slovenia che è vicina e ha tanto di quel verde da fare invidia al resto d’Europa. Ecco qui il nostro viaggio green in bici e treno, con itinerari e soste a prova di bambini.

Da Trieste a Postumia per vedere le stanze segrete delle spie

Slovenia in bici e treno con i bambini per una vacanza green: Hotel Jama a Postumia  Slovenia in bici e treno con i bambini per una vacanza green: itinerari lungo la Drava

Prima di attraversare il confine e tuffarci nella nostra Slovenia in bici, ci concediamo una tappa a Trieste che ai bambini piace sempre tanto e, varcato in treno il confine, a Postumia, per vedere il celebre castello di Predjana e le incredibili grotte carsiche con il trenino sotterraneo, provare l’ebrezza di passare in piena estate a una temperatura di 8 gradi e l’emozione di vedere il buio assoluto a tanti metri sotto terra.

Da qualche anno, nell’albergo accanto alle grotte, l’Hotel Jama, c’è una grande novità: con gli ultimi lavori di restauro è stata scoperta una stanza segreta con apparecchiature di comunicazione e di spionaggio, specchi con telecamere, porte finte, corridoi nascosti e tutto l’armamentario utilizzato dall’ex servizio segreto jugoslavo nell’era comunista per spiare i capi di stato che si davano appuntamento nell’hotel. I bambini si divertono a giocare alle spie decifrando segnali e lingue misteriose nell’esposizione interattiva che è stata predisposta.

Per inforcare la bicicletta e immergerci nel verde, proseguiamo in treno fino a Lubjana, ci concediamo una visita del centro storico, salutiamo le statue dei draghi sul celebre ponte e finalmente decidiamo quale itinerario percorrere sulle due ruote.

Sulla Drava passando da Maribor

 Slovenia in bici e treno con i bambini per una vacanza green: al bike park di Maribor

La prima opzione del nostro percorso lungo la Slovenia in bici, è seguire il fiume Drava, per un piccolo tratto della famosa ciclabile che è lunga oltre 700 chilometri e attraversa quattro Stati. Raggiungiamo quindi in treno la città di Maribor e affittiamo le bici comprese di servizio transfer per i bagagli: in centro ci sono tanti fornitori e lungo il percorso tanti ristori e bike hotel. La nostra meta è Radlje e la nostra guida il grande fiume.

Abbiamo davanti circa 45 chilometri (c’è qualche salita): se i ragazzi pedalano senza problemi si può fare tutta in un giorno, altrimenti si procede in più tappe. La prima parte del percorso ci porta un po’ lontano dal fiume ma in compenso attraversiamo dei bei boschi di abeti rossi. La prima tappa è Podvelka, un borghetto con le case lungo il fiume, una buona merenda-gelato nel bar del centro e le botteghe storiche che ci riportano in un altro tempo e in un’altra dimensione. Poi eccoci finalmente sul percorso lungo le sponde del fiume, in alcuni punti lo sovrasta e la vista è davvero spettacolare. I resti del castello di Vuzenica sul promontorio, la centrale elettrica di Fala (è visitabile), il parco del castello Viltuš con la rarissima magnolia a foglie larghe sono tutte tappe interessanti per grandi e piccoli.  Da qui si può proseguire ancora, in più tappe, fino a Dravograd dove riprendere il treno per Lubjana, Maribor o altre mete. Il percorso della Drava in bicicletta è molto lungo e si può percorrere anche a est di Maribor per scoprire alle belle mete. In zona, per gli amanti della bici, c’e anche una parco in tema, il Bike Park Pohorje, con percorsi mtb per tutti i gusti, alcuni adatti anche ai più piccoli.

A Bela Krajina per scoprire il verde della Slovenia sud-orientale

Slovenia in bici e treno con i bambini per una vacanza green: Bela Krajina Slovenia in bici e treno con i bambini per una vacanza green: itinerari ciclabili

Stavolta seguiamo il fiume Kolpa con le sue belle betulle bianche lungo il suo corso e le sue interessanti leggende e tradizioni. Siamo nella regione a confine con la Croazia e, arrivando in treno, si fa tappa a Metlika. Nella regione ci sono oltre 1400 km di sentieri ciclabili. Noi abbiamo semplicemente scelto di seguirne qualcuno, non troppo impegnativo, lungo il fiume Kolpa. Per esempio quello che porta alle rovine Castello di Pobrežje (sono circa 16 km).

Lungo la strada, ci sono molte opportunità di assaggiare le prelibatezze locali, vedere le famose uova decorate nei negozietti, assaggiare i vini particolari della regione e pedalare tra i vigneti soleggiati. Si attraversano i villaggi tipici e ci si ferma per affittare, in uno dei tanti camping lungo il fiume, una canoa per un divertente fuori programma.

Sul lago di Bled, tra gole e borghi

  Slovenia in bici e treno con i bambini per una vacanza green: percorsi sul lago di Bled

Il lago di Bled è una delle mete più rinomate della Slovenia: arrivarci in bici permette di immergersi in un paesaggio diverso e scoprire chicche interessanti. Noi siamo arrivati in treno a Kranj e qui abbiamo noleggiato le biciclette per affrontare 27 chilometri lungo il fiume Sava. Ci sono deviazioni interessanti come le cascate Sum o il castello Brdo. Ma lo spettacolo più bello è arrivare dall’alto sul lago e scendere fino alle sue sponde. I più avventurosi possono arrivare in mountain bike fino al castello in alto, ma con i bambini conviene proseguire per i sentieri a piedi che partono dal lungolago.

Le spiagge valgono più di una sosta e un pomeriggio è da decicare alla visita dell’isolotto con la sua bella chiesa al centro. Alla celebre gola di Vintgar andiamo a piedi perché è un po’ in salita (anche se sono solo 4 chilometri). In bici invece raggiungiamo Radovljica che è un borgo delizioso (si pedala per 6 km ed è quasi tutta pianura). Il paesino ha un’origine medievale e, dalle sue terrazze, offre una vista stupenda sulle colline circostanti. Ma chi cerca solo il relax qui in zona può anche star bene semplicemente circumnavigando il lago, fermandosi nelle bancarelle ad assaggiare il tipico street food o fermarsi nei bar del centro a sorseggiare un drink o una spremuta davanti a una vista meravigliosa.

Sulla Parenzana costeggiando il golfo di Trieste

Slovenia in bici e treno con i bambini per una vacanza green: Pirano  Slovenia in bici e treno con i bambini per una vacanza green: itinerari ciclabili

Un altro itinerario in bici adatto alle famiglie con bambini è la Parenzana che è anche la zona più vicina all’Italia per chi vuole godersi un po’ di Slovenia in bici. Si viaggia lungo l’ex ferrovia a scartamento ridotto tra Trieste (Muggia per la precisione) e Parenzo. Per chi viaggia con i bambini conviene arrivare fino a Portorose (da dove riprendere poi il treno per Trieste). Sono circa 30 km abbastanza pianeggianti.

Passato il confine con la Slovenia, si attraversa il borgo di Scoffie e ci si addentra nei boschi alternati a campagne e vigneti fino alla bella Capodistria, con il suo bel porto che lambisce la cittadina medievale. La vecchia stazione oggi è un coloratissimo negozio di fiori e ci si passa proprio davanti. Arrivati alla frazione di Giusterna ritroviamo il mare lungo il percorso e arriviamo fino alla deliziosa cittadina di Isola d’Istria e, poco dopo, alla bellissima Portorose, con le sue belle spiagge, il colorato borgo di Pirano e le terme per grandi e piccoli. Chi ha voglia di pedalare ancora può allungare fino alle saline di Sicciole che ai bambini piaceranno tantissimo. Il sentiero per le bici che parte da qui di chiama Strada della salute e dell’amicizia e segue ancora la strada ferrata che arriva da Trieste.

 

Credit: FamilyGo. Foto Jost Gantar, Ales Fevzer, FamilyGo, dravabike.si, slovenia.info

 

Pubblicato in