In Trentino, un weekend in famiglia sul Monte Baldo

Silvia Baldisserotto, autore di Family Go

Autore:

Tempo necessario: 1 settimana

Età bambini:  4-12 anni

Sul Monte Baldo, l’Hotel La Betulla è un microcosmo abitato da bambini felici e animatori garbati, accessibile ai genitori, ma con moderazione. Tutto il resto è neve e piste da sci a pochi passi e ben organizzate per coinvolgere tutta la famiglia.

La nostra meta è Polsa di Brentonico, una località sciistica nata appena 50 anni fa, immersa nella riserva naturale del Monte Baldo, perfetta per le vacanze in Trentino con bambini. E’ un vero paesino di montagna, dove le malghe producono ancora burro e formaggi e d’estate ospitano le mucche d’alpeggio. Il nostro albergo dista appena 100 metri dalle piste e dalla scuola di sci, dove i bambini imparano a sciare su discese larghe e tondeggianti in piena sicurezza. Per i più bravi ci sono le piste rosse e anche nere che si estendono per più di 40 km e possono essere innevate artificialmente all’occorrenza. C’è anche un negozio di noleggio sci, snow-board e scarponi per chi fosse sprovvisto di attrezzature sportive.

trentino-bretonico-monte-baldo-inverno-familygo-11trentino-bretonico-monte-baldo-inverno-familygo-10

Sulle piste si trova Malga Susine, di proprietà dell’Hotel La Betulla, dove un giovane cuoco prepara tagliatelle al ragù di cervo, carne salata trentina, strudel tiepido, ma anche hamburger tradizionali o vegani, patatine fritte per i bambini e piatti adatti ai celiaci. Piatti ottimi a prezzi piccoli in un ambiente “coccolo” all’interno o panoramico se mangiate fuori. Ci gustiamo il caffè in tutta tranquillità mentre i bambini saltano sul gonfiabile a forma di castello.

trentino-bretonico-monte-baldo-inverno-familygo-6trentino-bretonico-monte-baldo-inverno-familygo-5

L’Hotel La Betulla si è rivelato caldo ed accogliente fin dal primo momento, facendoci sentire subito a nostro agio. Le ragazze dell’animazione hanno individuato i nostri bambini di 10 e 8 anni appena varcata la soglia e li hanno coinvolti nella pittura di pigne affusolate, mentre noi guadagnavamo la camera. Un letto matrimoniale e due singoli in una tipica camera trentina con vista meravigliosa sul Massiccio del Brenta e dell’Adamello. Il pranzo è a scelta tra un ricco buffet e piatti caldi, serviti al tavolo. Noi abbiamo assaggiato gnocchi ai formaggi, gulasch e polenta, mentre i nostri figli sceglievano deliziosi dolci al cucchiaio. I bambini possono anche pranzare tutti insieme con gli animatori in una saletta a loro dedicata. Laura e Alberto sono già all’opera in una serie di giochi adatti alla loro età e non hanno più tempo per noi.

trentino-bretonico-monte-baldo-inverno-familygo-1trentino-bretonico-monte-baldo-inverno-familygo-Arch-Fot-APT-rovereto-centro-storico-foto-di-carlo-baroni

Vuoi vedere che riusciamo a visitare Rovereto? Detto e fatto, siamo partiti verso questa cittadina di montagna, edificata in epoca Romana e poi molti secoli dopo governata dalla Serenissima ed infine dagli Asburgo. Di ogni epoca la città conserva traccia negli edifici, nelle mura e nei vicoli offrendo ai visitatori un’atmosfera ricca di storia e di bellezza. Ma Rovereto strizza l’occhio anche alla modernità ospitando il Mart, Museo di Arte Moderna e Contemporanea, che offre esperienze culturali a grandi e bambini. Il calendario degli eventi e dei laboratori per i bambini è sempre fitto e decidiamo di posticipare la visita a quando saremo tutti insieme. C’è il sole e l’aria non è fredda, è la giornata ideale per passeggiare e godersi tutto l’artigianato del posto e una buona cioccolata calda in centro. Le decorazioni delle vie sono delle bellissime sfere dipinte di tanti colori che danno un tocco retrò alla città. Rovereto è elegante, colorata, con micro piazzette dai nomi singolari, come Piazza delle Oche, che sembra essere la piazza preferita dagli abitanti, che qui s’incontrano e chiacchierano a lungo. E’ stata una gita mordi e fuggi, ma siamo contenti lo stesso di aver avuto modo di mettere un piede in questa affascinante località di montagna.

trentino-bretonico-monte-baldo-inverno-familygo-9trentino-bretonico-monte-baldo-inverno-familygo-8

Torniamo in albergo alle 6 del pomeriggio, proprio quando termina l’animazione e troviamo Laura e Alberto strafelici, dopo aver trascorso il pomeriggio giocando e facendo amicizia con un sacco di bambini. Alle 4 hanno pure fatto merenda con torte e succhi e non hanno affatto sentito la nostra mancanza. Ci raccontano di un children park al coperto con gonfiabili, di partite a ping- pong e calcetto Balilla, il tutto innaffiato da bibite continue “perchè abbiamo il braccialetto giallo!”. Dopo cena, l’immancabile baby-dance e poi inizia lo spettacolo per tutta la famiglia, questa sera va in onda “Ciao Darwin” e ci dividono in due gruppi per gareggiare in prove di abilità e memoria. I bambini si divertono un sacco a vedere i loro genitori saltare su palloncini fino a farli esplodere o cantare canzoni a squarciagola.

trentino-bretonico-monte-baldo-inverno-familygo-4trentino-bretonico-monte-baldo-inverno-familygo-3

La mattina dopo abbiamo fatto un’escursione lungo Il Sentiero della Pace con Alessandro, un’esperta guida locale, che ci spiegava che durante la Prima Guerra Mondiale in quella parte della montagna, che allora apparteneva all’Austria, erano state scavate delle trincee dagli Austriaci e che poi sono state invece usate dagli Italiani. Per contrappasso, si è voluto ricordare quella zona di guerra con un nome dedicato alla pace, tra l’altro d’estate si riempie di fiori coloratissimi che attirano molti visitatori. Intanto, Laura e Alberto preparavano dei numeri di cabaret con gli altri bambini. Lo spettacolo del pomeriggio è stato all’insegna di sketch, balli e canti, messi in piedi con tanto garbo e divertimento. Torneremo per far prendere lezioni di sci ai nostri bambini in un ambiente a loro misura, senza pericoli e a prezzi più che ragionevoli.

Per informazioni

Sull’area sciistica
www.brentonicoski.com/it/lanevedeibambini.asp
www.visitrovereto.it/

Sull’Hotel La Betulla
www.labetullahotel.com/

 

Copyright: Familygo; foto di S. Baldisserotto, Carlo Baroni

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi