Natale a Roma con i bambini, per ammirare la più bella città del mondo

Letizia Dorinzi, autore di Family Go

Autore:

Età bambini:  4-12 anni

Roma, a dir nostro, e la città più bella del mondo. E sotto Natale, un po’ come accade a tante città, le luminarie, gli alberi di Natale addobbati e i presepi meravigliosi presenti nelle innumerevoli chiese le conferiscono un fascino ancora più irresistibile, anche per i bambini.

Per bambini da 5 anni

Ritorno sulla mia idea che Roma sia la città più bella del mondo. Sì, è vero, la mia famiglia paterna vive a Roma quindi forse sono un po’ di parte, ma sono convinta che sia un dato oggettivo. Questo non significa che non ne veda i difetti, anzi. Non è sicuramente una città family-friendly come possono esserlo le capitali del Nord. La rete dei trasporti pubblici è tutt’altro che efficiente, soprattutto con bimbi piccoli e passeggini al seguito, macchine parcheggiate in tripla fila, caos, marciapiedi invasi da veicoli… Ma se nonostante tutto riesce a mantenere un fascino che poche città al mondo riescono a eguagliare, vuol dire che è bella per davvero, da togliere il fiato.

Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-12Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-21

Tutti amano Roma e i bambini non fanno eccezione. Ma le cose da vedere sono tante e si rischia di fare un tour de force e di concludere la vacanza più stanchi di quando si è arrivati. E’ quindi importante studiare bene l’itinerario per ottimizzare i tempi, tenendo conto delle “distrazioni” che rendono unica questa città agli occhi dei più piccoli ma che rischiano di rallentare (piacevolmente) il passo.

Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-albero-nataleRoma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-18

Il giro di Roma durante le feste natalizie per noi comincia sempre da piazza San Pietro. Il presepe con le statue giganti e il mastodontico abete donato ogni anno da un paese diverso catturano l’attenzione dei piccoli. Se si desidera entrare nella basilica, la coda è d’obbligo ma non bisogna lasciarsi scoraggiare. E’ una fila che scorre piuttosto velocemente e i piccioni offrono un ottimo diversivo per i bambini, almeno per i miei che si divertono a rincorrerli ovunque. Un’altra curiosità che appassiona i bambini sono le due pietre poste sulla pavimentazione della piazza, più o meno in corrispondenza delle due fontane, da cui le file di colonne appaiono completamente sovrapposte. Basta spostarsi di pochi centimetri e l’effetto svanisce. Una volta superati i controlli, si entra nella basilica che affascina per le dimensioni mastodontiche, per le statue, i dipinti e per la predominanza del colore oro che la fa sembrare un enorme scrigno. Usciti dalla chiesa, si percorre via della Conciliazione per arrivare a Castel Sant’Angelo. La visita è affascinante per i bambini, soprattutto per chi adora le storie di cavalieri. Inoltre dall’alto del castello si gode una vista fantastica su Roma e sul lungo Tevere. Per chi ha bambini modalità “bastone-carota” come la mia secondogenita, la promessa di un giro al parco giochi nei giardini del fossato del castello può risolvere la giornata.

Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-22Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-3

Il Gianicolo è uno dei posti che amo di più a Roma. La vista spettacolare sulla città e il fatto di essere un’attrattiva meno turistica di altre perché situata in posizione un po’ defilata lo rendono un luogo unico. Per i grandi la passeggiata all’ombra dei platani e la vista mozzafiato valgono la visita. Per i piccoli la giostra anni ’70, il teatrino dei burattini all’aperto (con spettacoli non più frequenti e regolari come un tempo, purtroppo) e il cannone che spara ogni giorno alle 12 sono attrattive insuperabili. Il botto del cannone è forte, perciò coprite le orecchie dei bambini o allontanate quelli piccoli che potrebbero spaventarsi.
Percorrendo il viale verso la cancellata di ingresso, dopo aver bevuto a una fontanella che vanta un’acqua buonissima si arriva a “er fontanone”, una fontana meravigliosa che noi amiamo molto più della famosa fontana di Trevi.

Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-20Roma-natale-con-bambini-presepi-ph-dorinzi-17Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-14Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-7

Il secondo giorno inizia con la mostra dei 100 presepi, in Piazza del Popolo. La mostra è molto bella, ci sono presepi costruiti con ogni materiale possibile, dalla plastica riciclata alla pasta e, prenotando si può partecipare a un laboratorio gratuito in cui i bambini possono cimentarsi nella costruzione di un piccolo presepe pop-up o di un angelo da appendere all’albero di Natale. Unico neo: il prezzo, poiché pagano sia gli adulti che i bambini sopra i tre anni.

Piazza del Popolo è meravigliosa di per sé. La fontana al centro è garanzia di divertimento. Gli artisti di strada completano il quadretto.

Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-8Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-4

Dopo una breve sosta l’itinerario prosegue a piedi verso Piazza di Spagna e la scalinata di Trinità dei Monti che, nonostante la folla, è sempre meravigliosa. Oppure, se la giornata è bella e si ha voglia di un po’ di natura, da Piazza del Popolo si sale a piedi fino al Pincio, la terrazza di Roma, e si può fare un giro per i giardini di Villa Borghese.

E finalmente arriva il momento di gettare la famosa monetina nella fontana di Trevi. La gente che la affolla è sempre tantissima ma il rito è imprescindibile.

Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-23Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-24

Si prosegue attraversando via del Corso e intrufolandosi nelle viuzze che portano al Pantheon. La cupola con il buco in mezzo, la fontana, l’obelisco, le carrozze sempre ferme ad aspettare i turisti e, per i grandi, una granita al caffè con panna alla famosa Tazza d’Oro sono i validi motivi per passare di qui. E se i bambini, stanchi di camminare, protestano, dite loro che sarà l’ultima visita prima di Piazza Navona, il paese dei Balocchi. Luogo dove vivere appieno il Natale a Roma con i bambini: bancarelle di dolci e giochi, artisti di strada, la slitta con a bordo Babbo Natale e la Befana pronti a farsi fotografare e una giostra antica fanno la gioia dei più piccoli.

Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-13Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-15

Il terzo giorno si fa il pieno di storia romana. Colosseo e Fori imperiali fino a piazza Venezia. Se i bimbi amano le altezze, l’ascensore panoramico che porta in cima al Vittoriano li renderà felici. Anche il Museo del Risorgimento (gratuito) con le armi e le divise dei Garibaldini cattura l’attenzione dei più piccoli. Si prosegue con il Campidoglio e la basilica di Santa Maria in Aracoeli, famosa per il bambinello intagliato in legno di ulivo del giardino dei Getsemani e ricoperto d’oro. Il bambinello purtroppo è stato rubato e ora c’è una copia che troneggia nel presepe che, per me, resta in assoluto il più bello di Roma. I lampadari di cristallo, le mille luci e i soffitti dorati della chiesa creano un’atmosfera magica.

Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-2   Roma-natale-con-bambini-ph-dorinzi-6

Proseguiamo lungo la via del Teatro Marcello fino ad arrivare alla chiesa di San Nicola in carcere dove ci attende una visita guidata nei sotterranei. Vincenzo, la bravissima guida, ci offre le prove scientifiche dell’esistenza di Babbo Natale e incanta i bambini per più di un’ora.

Per finire la giornata e la vacanza romana un po’ di paura alla Bocca della verità. “Mamma ma la mano la mangia per davvero?”

Un’ultima curiosità che ci affascina sempre… il buco della serratura del portone del Priorato dei cavalieri di Malta da cui si può sbirciare come veri esploratori e ammirare la cupola di San Pietro!

INFORMAZIONI UTILI

Le cose da fare a Roma con i bambini sono tantissime. Dallo zoo ai parchi, dal planetario alle catacombe. E non mancano le proposte pensate appositamente per i bambini, le visite guidate, i teatri, gli spettacoli al Parco della Musica, i musei … l’elenco potrebbe continuare all’infinito. Le guide di romaelazioxte si sono rivelate davvero competenti e abili a intrattenere i bambini. Tempo permettendo, si possono noleggiare le biciclette a Villa Pamphili e girare per il parco oppure partecipare ai laboratori del parco dell’Appia Antica. (Ndr: qui trovate il programma delle visite guidate e le attività per bambini a Roma)

Ma eventi e spettacoli sono un di più perché ai bambini basta davvero poco per divertirsi nella Capitale. Del resto in quale altro posto al mondo ci si può divertire saltando da una colonna romana di 2000 anni fa?

COME ARRIVARE

In treno. Il Frecciarossa o i treni di Italo sono sicuramente il mezzo migliore per raggiungere la capitale. Tenendo d’occhio le offerte e prenotando con largo anticipo si possono trovare tariffe interessanti. Al momento con Trenitalia i bambini viaggiano gratis.

DOVE MANGIARE

C’è solo l’imbarazzo della scelta. Per contenere i costi basta andare in qualunque panetteria, prendere pezzi di pizza bianca romana e pranzare all’aria aperta tra una visita e l’altra. Bar e gelaterie sono ovunque e spesso i prezzi sono meno cari di quello che si pensa.

DOVE DORMIRE

In centro storico tra Hotel e B&B l’offerta per dormire è infinita, ma sicuramente consiglio alle famiglie con bambini sotto i 6 anni la soluzione in appartamento. Potete la sera cucinare a casa e preparare i piatti che più piacciono ai vostri bimbi, i quali dopo una giornata piena di stimoli avranno un enorme desiderio di infilarsi sotto le coperte del loro lettino. Per trovare un appartamento ci sono molti siti: www.airbnb.it, www.homelidays.it, www.wimdu.it, www.only-apartments.it, www.booking.com.

INFORMAZIONI TURISTICHE

www.turismoroma.it
Eventi, mostre, visite guidate per famiglie a Roma

 

 

Copyright: Familygo. Foto di Letizia Dorinzi

 

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi