La Lunigiana per le famiglie: escursioni e avventure nella Toscana più incontaminata

Lunigiana con i bambini, passeggiate
Stefania Foti, autore di Family Go
Tempo necessario: Weekend
Età bambini:  1-3 anni4-12 anni

Borghi, castelli medievali e il parco nazionale dell’Appenino con i suoi eccezionali scenari. La Lunigiana è il luogo ideale per una vacanza a stretto contatto con la storia e la natura più incontaminata. Una meta seppur ancora poco conosciuta che può offrire molto, con ospitalità e attrazioni che si mixano sapientemente. Un’oasi di pace a misura di bambino.

L’occasione per visitare questo incantevole territorio è stato lo Slow Travel Fest tenutosi a Filetto di Villafranca, provincia di Massa Carrara. L’evento organizzato da Cicicla, società specializzata in promozione territoriale, si è svolto nella Selva di Filetto, un meraviglioso bosco dai grandi castagni e con due statue stele, adiacente al borgo medioevale, e nelle località circostanti in questo angolo di Toscana al confine con Liguria ed Emilia Romagna. Tantissime le attività ludiche organizzate per i bambini, dal bushcrafting al tiro a segno, dalle bolle di sapone al treeclimbing, dal teatro ai laboratori di creta. E non è mancata un’area benessere all’ombra di enormi alberi dove far assaporare attività olistiche quali il reiki o il massaggio plantare anche ai più piccoli. Seppur la Selva è stato il fulcro di questo evento, il festival ci ha permesso di conoscere le diverse attrazioni del territorio, ancora poco note seppur di straordinaria bellezza.

Escursioni per famiglie

Lunigiana con i bambini, via francigena    Lunigiana con i bambini, asinelli

Dal passo della Cisa fino a giungere al fondovalle si estende la via Francigena attraversando caratteristici borghi e innumerevoli boschi. Con i suoi più e meno impegnativi tratti la via Francigena permette un trekking a tappe per tutte le esigenze in un bel contesto naturale e consentendo di ammirare le bellezze e la cultura del luogo. Ottimo punto di partenza, soprattutto per i bambini, è Pontremoli, situata alla confluenza del fiume Magra e del torrente Verde, tappa di pellegrini e viandanti in quanto porta di ingresso in Toscana. Un borgo incantevole assolutamente da visitare perché desta sorpresa per la ricchezza dei suoi palazzi barocchi e delle chiese, dalla cattedrale di S. Maria Assunta alla chiesa di San Francesco, da quella di San Giorgio a San Nicolò e San Geminiano.

Lunigiana con i bambini, borghi     Lunigiana con i bambini, stele

Città, inoltre, dai tanti ponti, alcuni ancora con impianto medievale, e difesa da tre fortificazioni, la Cortina di Cacciaguerra, muro che divideva i Guelfi dai Ghibellini con una grande torre centrale, la Fortezza di Castelnuovo e il Castello di Piagnaro, in cui si può visitare anche il Museo delle Statue Stele della Lunigiana che raccoglie le sculture preistoriche scolpite in pietra arenaria a partire del III millennio a.C.. Da Pontremoli la via Francigena prosegue raggiungendo Filattiera, antica piazzaforte dei Malaspina con tanto di castello e chiesa del XII secolo dedicata a San Giorgio e con la vicina Pieve di Sorano, romantica chiesa dedicata a Santo Stefano. Continuando si giunge a Villafranca in Lunigiana con le sue tante chiese medioevali e il Museo Etnografico della Lunigiana. All’interno di mulini quattrocenteschi vengono illustrati oggetti di vario tipo che raccontano la cultura popolare di questa terra e la sua civiltà contadina. Nelle vicinanze, da non perdere, il caratteristico borgo di Filetto, di origine bizantina, con due porte monumentali di accesso che conservano al suo interno il seicentesco palazzo dei marchesi Ariberti e il convento dei frati Ospitalieri. Da Villafranca il tracciato della francigena devia verso il borgo medioevale di Virgoletta per poi passare tra sentieri sterrati, in parte nel bosco, ritornando sulla statale a Terrarossa con il suo imponente castello edificato nel cinquecento da Fabrizio Malaspina. Dopo pochi chilometri ci si ritrova invece ad Aulla, che conserva nel suo centro storico di impianto medioevale, le vestigia dell’Abbazia di San Caprasio fondata nel IX secolo da Adalberto I, marchese di Toscana. Da Aulla l’itinerario prosegue per Sarzana.

Grandi avventure

Lunigiana con i bambini, natura     Lunigiana con i bambini, Stretti di Giaredo

Le famiglie appassionate di sport hanno veramente l’imbarazzo della scelta; le ricchezze naturali di questo territorio sono di grande interesse e rara suggestione sia per bambini che adulti. Le gole degli Stretti di Giaredo, ad esempio, dalle acque fresche e pescose lungo il torrente Gordana e vicino all’abitato di Cavezzana, permettono una incredibile avventura nella natura più incontaminata. Si tratta di un percorso fluviale da effettuare con la corretta attrezzatura, che attraversa gole, a volte strettissime, e suggestivi laghetti. Invece poco a nord rispetto al borgo di Pracchiola, un percorso ben indicato (come del resto lo sono tutti quelli della Lunigiana) e ombreggiato grazie ad intrecci degli alberi del bosco, porta alle meravigliose cascate del Piscio dall’acqua tonicamente fresca e pulitissima. Le acque, qui, fanno un salto di 30 metri di altezza permettendo così scenografici giochi d’acqua. Il percorso dal paese è di circa 40 minuti a piedi. Non lontano, invece, dal paese di Cervara, si estende il lago Verde, uno spettacolare specchio d’acqua che si apre tra prati ricoperti di faggi.

Lunigiana con i bambini, Malgrate     Lunigiana con i bambini, Castello dell'Aquila

Il modo migliore per scoprire la Lunigiana e il parco nazionale dell’Appenino è l’utilizzo di e-bike, biciclette elettriche a pedalata assistita. Lontano dalla folla, lungo sentieri rurali e strade panoramiche con viste mozzafiato, si possono percepire al massimo i profumi e colori di questa terra. Una bella strada, adatta a tutti, è da Pontremoli lungo il fiume Magra oppure da Filetto percorrendo Filattiera, Ponticello, Caprio e Mocrone. Quest’ultimo percorso è totalmente pianeggiante senza difficoltà, perfetto anche per chi non usa abitualmente la bici e sicuramente per i bambini, anche se i chilometri totali sono circa 25!

Lunigiana con i bambini, cavalli     Lunigiana con i bambini, cavalli

Un altro modo per assaporare a fondo le bellezze di questo territorio sono le gite a cavallo con cui si possono scoprire boschi, fiumi, pievi e castelli attraverso l’ippovia della via Francigena. Diversi sono i maneggi presenti sul territorio ma il Picchio Verde a Licciana Linardi è quello che abbiamo testato; cordialità, simpatia e grande professionalità sull’utilizzo dei cavalli sia per grandi che per piccini. Al maneggio propongono percorsi in base al livello, anche per i meno esperti.

Sapori locali

Lunigiana con i bambini, agriturismo     Lunigiana con i bambini, agriturismo

È questa una terra di eccellenze gastronomiche dai diversi prodotti locali. Assolutamente da testare i testaroli, presidio Slow Food, pastella di farina, acqua e sale che viene cotta nel “testo”, teglia in ghisa arroventata sul fuoco, da assaporare con olio e parmigiano, con il pesto o il sugo di funghi. Poi ci sono i panigacci, seppur con lo stesso impasto cotti su “testi” di terracotta impilati uno sull’altro e arroventati al camino. Il composto diventa una sorta di focaccetta da gustare con stracchino e salumi oppure con cioccolato come dolce. E poi ancora la torta d’Erbi, a base di erbe spontanee e verdure di stagione, la farina di castagne (gli alberi di castagni sono molto diffusi) con cui fare le lasagne bastarde, gli gnocchi mesci, il pane, il castagnaccio, e poi ancora l’agnello di Zeri, i funghi e il miele dop della Lunigiana. Uno degli agriturismi più all’avanguardia della zona è Montagna Verde di Licciana Nardi, frazione di Apella, un ex convento con un suggestivo campanile che si affaccia sulla vallata.

Lunigiana con i bambini, Apella     Lunigiana con i bambini, ricette tradizionali

Tutti i piatti del menù esprimono al meglio la cucina lunigianese con ricette antiche delle massaie locali. La qualità dei prodotti cucinati è alta, molto arriva dal loro bio-parco L’Abete Bianco, dove si trova l’orto, l’allevamento di galline, di asini, conigli, pavoni, pecore e bovini di razza limousine allevati liberi a mille metri di altezza. E poco più sopra, collegato all’agriturismo e sempre della famiglia Maffei, un albergo diffuso con casa museo, laboratorio per il miele, castagneto, essicatoio e piscina. Si tratta di un borgo medievale, immerso nel parco dell’Appenino, splendidamente recuperato dove il tempo sembra si sia fermato, per una vacanza di puro relax.

 

Copyright: Familygo. Foto di S. Foti; Turismo Lunigiana

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi