Glamping a Bibione Pineda: bambini esploratori tra navi dei pirati, spiagge e lagune

Erika Fasan, autore di Family Go

Autore:

Tempo necessario: 1 settimana, Weekend

Età bambini:  0-12 mesi1-3 anni4-12 anni13-18 anni

Al confine tra Veneto e Friuli Bibione Pineda è un’isola felice per le vacanze delle famiglie: spiagge di sabbia fine perfette anche per i più piccoli, tutto il divertimento e il benessere che l’alto Adriatico regala per vocazione e una suggestiva natura di penisola che si allunga tra il mare e la laguna. Qui, da 50 anni, il Camping Capalonga regala a genitori e bambini vacanze “fun & relax” che fanno felici proprio tutti. Con qualche novità frizzante che abbiamo sperimentato per poi raccontarvela.

Questo racconto è prima di tutto una confessione, un’ammissione. L’ammissione è che anche noi mamme web reporter a volte ci lasciamo ingannare da pregiudizi o credenze che poco hanno a che fare con la realtà. Ma è anche l’ammissione che – per fortuna – la realtà è sempre più bella delle nostre idee e ci smentisce puntualmente. Il nostro viaggio per i 50 anni del Camping Capalonga di Bibione Pineda (VE) – a proposito, buon compleanno Capalonga! – è proprio questo: la cronaca di una smentita.

Da padovana l’idea di trascorrere le vacanze nelle spiagge del Veneto mi è sempre sembrata troppo poco esotica, un po’ come mangiare al ristorante sotto casa: troppa poca distanza dalla quotidianità per sentirsi davvero in vacanza. Non solo, ho sempre associato le località dell’alto Adriatico a un tipo di vacanza molto giovanile e festaiola (happy hour, movida e discoteche per intenderci) e non mi ero mai soffermata invece sulla loro valenza altamente family. Per non parlare poi del fatto che vengo da una zona termale con una concentrazione di hotel pari a 1 ogni 200 abitanti (circa) e che quindi la mia vacanza ideale è sempre stata quella in albergo (camera riordinata tutte le mattine, tre pasti al giorno serviti in una sala da pranzo… etc). Ecco perché quest’esperienza di camping in terra bibionese è stata una sfida ai miei preconcetti e alle mie idee costruite senza un riscontro sul campo. Una sfida vinta, ovviamente, a mani basse dalla struttura e dal territorio!

Camping Capalonga a Bibione: un’oasi verde tra la laguna e il mare

Glamping a Bibione, il Capalonga Village     Glamping a Bibione, il Capalonga Village

E dire che siamo arrivati in una sera di pioggia e temperature non esattamente estive. Ma forse era proprio quello di cui avevamo bisogno, una sera di quiete in cui prendere possesso del nostro alloggio, cenare con calma e guardarci un po’ intorno senza la frenesia di buttarsi in spiaggia, in piscina e provare praticamente tutto, che spesso viene quando si arriva in un posto nuovo. Tanto mia figlia ha trovato comunque il modo di rotolarsi subito nella sabbia bagnata e di divertirsi come una matta… a proposito, le spiagge di Bibione sono tutte smoking free.

Glamping a Bibione, il Capalonga Village e la spiaggia     Glamping a Bibione, il Capalonga Village

Ma andiamo per ordine. Arriviamo al Camping Capalonga, che sorge proprio sulla punta della penisola di Bibione Pineda e che appartiene al gruppo Bibione Mare (leggi qui il nostro speciale su questa e le altre strutture per famiglie del gruppo), e ci guardiamo intorno ammirati: a destra il mare sconfinato, a sinistra la maestosa bellezza della laguna. E qui, mi si perdoni il vezzo da cinefila un po’ datata, scatta subito alla mente un film girato in parte anche nella laguna veneta che recita più o meno così “Soltanto l’acqua della laguna mi calmava. Li c’era la quiete, tutto immobile. Mi piaceva svegliarmi di notte vicino all’acqua e vedere la marea, come si muoveva: sei ore saliva, sei ore scendeva, sei ore saliva, sei ore scendeva. Come una ninna nanna“. Citazioni a parte, lo scenario che ci accoglie è davvero notevole: acqua tutto intorno e al centro un grande e verdissimo camping che ci fa sentire subito “a casa”.

Tutti dicono… glamping! Il campeggio glamour che piace alle famiglie

Glamping a Bibione, il Capalonga Village, tende glam     Glamping a Bibione, il Capalonga Village, tende glam

Sarà perché qui tutto è molto ordinato (merito anche della struttura a cerchi concentrici che fa sì che anche a camping pieno l’effetto affollamento sia scongiurato), sarà perché tutto è al contempo molto genuino e familiare con un po’ l’atmosfera dei campeggi delle origini, sarà perché ad accoglierci troviamo una bellissima tenda lodge praticamente in spiaggia. Eh sì, perché il regalo che ci fa il Capalonga per i suoi primi 50 anni (a proposito, ma non dovrebbero essere gli invitati a portare un regalo al festeggiato?) è quello di farci provare l’esperienza del glamping, il campeggio glamour per chi vuole vivere un’avventura ma senza rinunciare a comfort e comodità. Del tipo che hai l’aria condizionata, la doccia con l’idromassaggio, letti con doghe e probabilmente molti più comfort di quelli che hai a casa, ma che puoi anche fingere di essere un novello Indiana Jones e sentire il vento soffiare (è capitato a noi in una notte di temporale) come se fossi al riparo di una semplice canadese. Adrenalina a fiumi, ma ovviamente eravamo perfettamente al sicuro.

Glamping a Bibione, il Capalonga Village, piscine     Glamping a Bibione, il Capalonga Village, wellness

Il Capalonga, oggetto di un attento restyling proprio per i suoi 50 anni (parola chiave #50campingcapalonga!) è anche mobilhome (di varie tipologie e dimesioni), 768 piazzole per roulotte, tende e camper, un supermarket, un teatro, un ristorante-pizzeria in riva al mare, un pregiato ristorante (specialità pesce) affacciato sulla laguna e Seawell Spa, un bellissimo centro benessere anch’esso vista laguna.

Le tende glamour (insieme a bungalow e suite-mobilehome) si possono trovare anche al Camping Lido, quello che è forse il più “informale” tra i tre camping del gruppo Bibione Mare. Qui, assieme a un senso di libertà e di vacanza senza vincoli, si respira anche un’aria di grande famiglia allargata che è felice di ritrovarsi estate dopo estate. Le spiaggia, ad esempio, è sia libera che attrezzata, mentre gli spazi aperti del campeggio, ci raccontano, si trasformano spesso in sede di feste, anche improvvisate, e tavolate chilometriche.

Il terzo camping del gruppo è Il Tridente, anche qui piazzole e chalet in legno (la sostenibilità ambientale è una mission della struttura, la più green del gruppo, anche perché immersa in una splendida pineta) e un residence dove chi lo desidera può ricevere un trattamento di mezza pensione o pensione completa.

Crocky Club: il nostro tempo migliore

Glamping a Bibione, il Capalonga Village, Crocky Club     Glamping a Bibione, il Capalonga Village, Crocky Club

Ne è passato di tempo da quando l’autonomia di Ginevra in un baby club era pari a 6-7 minuti e poi andavamo a riprendercela in lacrime. Tempus fugit, appunto, e adesso gli animatori dei vari baby e mini club sono i veri eroi delle nostre vacanze. E quelli del Capalonga e del Tridente non hanno fatto eccezione: da Gaia che l’ha accompagnata ai gonfiabili in spiaggia la sera del nostro arrivo (ogni giovedì sera festa in spiaggia con fuochi d’artificio, gonfiabili e torta per celebrare il mezzo secolo del camping) a Beatrice che l’ha tenuta abbracciata nelle prime discese giù per lo scivolo in piscina finché non ha trovato il coraggio di lanciarsi da sola e a Eva che una sera ce l’ha riportata dopo che da mezzora le dormiva beata tra le braccia…

Glamping a Bibione, il Capalonga Village, parco acquatico     Glamping a Bibione, il Capalonga Village, parco acquatico

Il programma di animazione delle strutture di Bibione Mare è dedicato ai bambini dai 4 anni (anche più piccoli se accompagnati) e prevede attività sia la mattina al Crocky Club (Crocky è il simpatico coccodrillo mascotte del gruppo) e in spiaggia, sia il pomeriggio sempre al Crocky e poi nel bellissimo parco acquatico di oltre 1.500 mq (che comprende scivoli, idromassaggi, un divertente percorso river, ma anche – novità – una piscina riscaldata e sorvegliata da simpatici animali colorati per i più piccoli). Non mancano laboratori, lezioni di sport (collettive e individuali), tornei genitori-figli e tra i vari campeggi, show, musical e – lacrime a fiumi – gli spettacoli dei bambini a conclusione delle varie settimane di vacanza e attività.

Glamping a Bibione, il Capalonga Village, spiaggia     Glamping a Bibione, il Capalonga Village, colazione

Un programma ricco, certo, ma a fare la differenza (e ad averci fatto lasciare qui un pezzettino di cuore) non sono solo la quantità e la qualità delle attività proposte. La differenza, almeno questa è stata la nostra sensazione, la fanno le persone che a queste attività presiedono: animatori giovanissimi, nella maggior parte dei casi, ma già persone accoglienti, inclusive (e non solo perché inclusione è una delle parole chiave alla base del restyling del Capalonga) e davvero capaci di fare breccia nel cuore dei bambini e dei loro genitori. Scampoli di conversazione rubata tra Marco, il capo animazione, e una nostra compagna di viaggio: “Dai bambini ricevo sempre tantissimo, molto più di quello che do. Sarebbe una sconfitta per me se un bambino smettesse di inseguire i propri sogni“. Serve aggiungere altro?

Glamping a Bibione, il Capalonga Village, spiaggia     Glamping a Bibione, il Capalonga Village, spiaggia

E se animazione e parco acquatico non bastassero per i bambini ci sono anche i giochi in spiaggia: scivoli, altalene, casette e tanto altro. E mente i genitori ammirano le belle opere di land art disseminate in zona e realizzate con materiali restituiti dal mare i bambini sembrano darsi appuntamento per giocare assieme incuranti delle differenze di genere, età e lingua. Che poi a loro per divertirsi basta davvero poco, tanto che credo l’angolo più amato da Ginevra sia stato il tavolinetto basso con fogli e colori in un angolo della reception…

Per mare e per laguna, ma solo con la nave dei pirati!

Glamping a Bibione, faro di Punta Tagliamento     Glamping a Bibione, vista del mare

Che il Capalonga (ma anche le altre strutture del gruppo Bibione Mare) siano tutt’uno col territorio circostante ce lo racconta già il Giardino Mediterraneo, zona di protezione speciale nell’estremità della penisola su cui sorge il camping, un’autentica oasi a tutela della biodiversità che regala scorci e panorami che non si dimenticano. Tutto il contesto, in realtà, è di assoluto interesse: per le preziose acque termali (a pochi km dal Capalonga le famose Terme di Bibione), per l’incontro tra le acque dolci della laguna e quelle salate del mare, per le valli di pesca coi caratteristici casoni dai tetti in paglia (un tempo simbolo di una vita di duro lavoro e oggi spesso riconvertiti in case di vacanza di pregio), le postazioni per gli appostamenti di cacciatori e pescatori e il fiume Tagliamento (uno dei più puliti d’Europa) che scorre sereno e segna il confine con il Friuli.

Glamping a Bibione, passeggiare in bici     

Il nostro viaggio finisce qui, a Punta Tagliamento dove, sulla riva opposta a quella su cui sorge Lignano, una passeggiata di venti minuti in pineta ci porta a un bellissimo faro recentemente restaurato. Un pezzo della storia di questi posti che parla attraverso le antiche mura, mentre il mare respira placido e si intrufola col suo profumo attraverso le finestre.

Glamping a Bibione, Galeone dei Pirati La perla Nera     Glamping a Bibione, Galeone dei Pirati La perla Nera

Glamping a Bibione, Galeone dei Pirati La perla Nera     Glamping a Bibione, Galeone dei Pirati La perla Nera

La distanza camping-faro si può percorrere anche in bicicletta sulla ciclabile lungo costa, ma noi ci siamo regalati un mezzo di trasporto davvero super: la Perla Nera. Sì proprio lei, la famosa nave dei Pirati dei Caraibi che sembra aver deciso di spostarsi verso lidi più nostrani e che regala a noi, ma soprattutto ai nostri figli, una navigazione davvero indimenticabile. Con tanto di capitani pittoreschi, pirati, mostri marini e autentici combattimenti in punta di spada (di plastica, ovviamente!). E così mentre il galeone, perché di un vero galeone stiamo parlando, veleggia lento partendo dalla Marina di Porto Baseleghe e noi ammiriamo ammaliati quella famosa marea che sale e scende cullandoci come una ninna nanna, a bordo va in scena uno spettacolo antico quasi quanto la marea, ma anche moderno nei linguaggi e nelle modalità comunicative. E se il mostro marino, come è successo a Ginevra, fa troppa paura c’è sempre pronto l’abbraccio, autentico e senza tempo, di uno degli animatori a bordo.

Per informazioni

www.capalonga.com/

www.bibionemare.com

 

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi