Bomarzo: il Parco dei Mostri, luogo magico da visitare con i bambini

Bomarzo, Parco dei mostri, l'Orco
Manuela Rosellini, autore di Family Go
Tempo necessario: 1 giorno, Weekend
Età bambini:  1-3 anni4-12 anni13-18 anni

Visitare il Parco dei Mostri di Bomarzo con i bambini è un’avventura senza precedenti: un arco in pietra ed ecco che ci si trova immersi in un bosco misterioso popolato da straordinarie multiformi creature. E può essere l’occasione per organizzare un weekend nella Tuscia in famiglia, con tappe a Viterbo, Bagnaia e Civita di Bagnoregio. Chi vuole invece un weekend tutto già organizzato, puà aderire ai pacchetti per famiglie di Promotuscia con una sospresa per i bimbi.

“C’erano una volta animali mitologici, simboli indecifrabili, divinità, e mostri di ogni tipo che abitavano un fitto bosco…”, ce n’è abbastanza per accendere la fantasia di ogni bambino. E così, con un pizzico di paura e tanta curiosità, ci avviamo verso un luogo da fiaba. Viene chiamato Sacro Bosco o Villa delle Meraviglie, ma quasi tutti lo conoscono come il Parco dei Mostri di Bomarzo! A una ventina di km da Viterbo si estende infatti un grande parco naturale di circa 3 ettari, che ospita originali e inedite sculture in basalto che, apparentemente, non hanno alcun collegamento tra loro, in una sorta di labirinto eccentrico e misterioso: insomma il posto perfetto perché un bambino possa immaginare la sua personale avventura.

La storia del Parco dei Mostri di Bomarzo

Bomarzo, Parco dei mostri, la tartaruga     Bomarzo, Parco dei mostri, Glauco

Siamo a metà del 1.500 quando il principe Vicino Orsini progetta insieme all’architetto Pirro Ligorio questo parco a dir poco enigmatico, senza seguire le consuetudini architettoniche dell’epoca, e inserendo le diverse sculture senza alcuno schema prospettico e senza rispettare proporzioni di sorta. Non si conosce neppure con certezza lo scopo per cui il parco venne costruito, forse solo per confondere e stupire i visitatori, visto che lo stesso Orsini dichiarava: «Voi che pel mondo gite errando vaghi di veder meraviglie alte et stupende venite qua, dove son facce horrende, elefanti, leoni, orchi et draghi». Alla morte di Vicino Orsini, il parco venne abbandonato e solo nella seconda metà del Novecento fu restaurato dalla coppia Giancarlo e Tina Severi Bettini.

Le sculture da non perdere a Bomarzo

Bomarzo, Parco dei mostri, l'ingresso     Bomarzo, Parco dei mostri, il drago

Eccoci dunque all’ingresso di questo luogo eclettico che sembra davvero vivere fuori dal tempo (non a caso è stato particolarmente amato da personaggi come Salvador Dalì!). Il modo migliore per visitare il Parco dei Mostri di Bomarzo con i bambini è quello di lasciarli liberi di esplorare e lasciarsi stupire, un po’ come lo stesso Orsini avrebbe in fondo desiderato. Quindi, anche se armati di mappa che vi consegneranno all’ingresso, create il vostro percorso in base alle emozioni, e lasciatevi guidare dalle favole che verranno in mente ai bambini. La visita si trasformerà davvero in un’avventura leggendaria, dove mostri, draghi, personaggi mitologici e animali esotici sbucheranno all’improvviso da dietro gli alberi, alternati a grotte, fontane e persino una “impossibile” casa pendente.

Bomarzo, Parco dei mostri, l'elefante     Bomarzo, Parco dei mostri, Nettuno

Qualsiasi sia il vostro percorso, ecco le 10 cose da vedere assolutamente con i bambini al Parco dei Mostri di Bomarzo:

1. Le Sfingi. Appena varcata la soglia vi aspettano le due sfingi guardiane del parco.

2. Proteo-Glauco. È il primo mostro che si incontra, con la sua bocca spalancata che sembra emergere dal profondo della terra.

3. L’Elefante, che porta sulla schiena una grossa torre e nella proboscide tiene stretto un guerriero, probabilmente un legionario romano.

4. Il Drago. È uno spaventoso mostro dalle sembianze di un rettile, e lotta contro altri tre animali.

5. L’Orco. Simbolo del parco, è un enorme mascherone con la bocca spalancata in cui si può entrare per sperimentare come le voci vengano distorte, creando un effetto naturalmente spaventoso.

6. La Casa Pendente. Farà impazzire i bambini questa piccola casa costruita su un masso inclinato e perciò volutamente pendente.

7. La Tartaruga e la Balena. La prima trasporta sul guscio la statua di una Nike, la seconda emerge in modo inquietante dal terreno.

8. Nettuno. La maestosa statua del dio del mare è adagiata sull’acqua e tiene in mano un delfino.

9. La Fontana di Pegaso. Forse la più bella fontana del parco.

10. Il Tempio. Più che per la curiosità e il mistero (sicuramente inferiori rispetto agli altri monumenti del parco), il tempio è il posto più adatto per far correre i bambini nel prato antistante e prendersi una pausa di relax.

Bomarzo, Parco dei mostri, la casa storta     Bomarzo, Parco dei mostri, grotte

Ci sono tantissime altre sculture nel parco, ma vi lasciamo la curiosità di scoprirle da soli! Alessio ha adorato la possibilità di creare un suo percorso personale!

Informazioni utili per la visita a Bomarzo al Parco dei Mostri

Bomarzo, Parco dei mostri, il tempio     Bomarzo, Parco dei mostri, divertimento

Per arrivare al Parco dei Mostri di Bomarzo si deve prendere l’uscita dell’autostrada A1 Attigliano, e poi proseguire per circa 4 km fino al parcheggio. Per quanto riguarda gli orari il parco è aperto tutti i giorni dalle 08.30 alle 19.00 (da Aprile ad Agosto) e dalle 08.30 al tramonto (da Settembre a Marzo). I biglietti costano 11 euro per gli adulti e 8 per i bambini da 4 a 13 anni, gratis sotto i 4 anni. La durata della visita è molto personale, ma per vedere tutte (o quasi) le opere con calma e con qualche sosta per i bambini, potete considerare una mezza giornata. Se volete idee su dove mangiare ci sono un bar e una tavola calda (oltre a un’area esterna con diversi giochi per bambini). Per informazioni potete consultare il sito Sacrobosco.it o scrivere una mail a info@parcodeimostri.com.

Itinerario nella Tuscia con i bambini

Parco dei Cinque Sensi  Civita di Bagnoregio con bambini

Il Parco dei Mostri è una bellissima idea per una gita fuori porta di una giornata, ma se vi piace l’idea di visitare la zona della Tuscia con i bambini, potreste organizzare un weekend lungo facendo tappa nel pittoresco centro medievale di Viterbo (dove visitare anche l’orto botanico), e a Villa Lante a Bagnaia, uno tra i più famosi giardini italiani. A Vitorchiano (8 km da Viterbo) si trova invece il Parco Cinque Sensi, un altro must per passare una giornata magica e a contatto con la natura con i bambini; per chi volesse estendere il proprio itinerario merita assolutamente una visita il borgo sospeso di Civita di Bagnoregio, mentre per un tuffo rinfrescante ci sono le acque del lago di Vico.

Pacchetto weekend per famiglie con il libro Vampirino di Bomarzo

Vi segnaliamo inoltre che PromoTuscia ha pensato di dedicare un pacchetto weekend alle famiglie (nelle date del 22 e 23 agosto e 21 e 22 settembre), dal titolo “la Tuscia un giardino come noi” che al costo di 449 euro per una famiglia di 4 persone, comprende: 1 notte in b&b nel centro storico di Viterbo + cena in ristorante selezionato, ingresso all’Orto Botanico di Viterbo, caccia al tesoro nel centro storico di Viterbo, ingresso e visita guidata al Parco dei Mostri di Bomarzo e in regalo il libro “Il vampirino di Bomarzo”, ingresso e visita guidata a Villa Lante a Bagnaia.
Info e prenotazioni: 0761 304643 o www.promotuscia.it.

 

 

 

Copyright: Familygo. Foto di M. Rosellini; Pixabay; Flickr Emanueleladabar; promotuscia.it; Parco dei Cinque Sensi

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi