I campi di lavanda in Piemonte: idee per una gita in famiglia

Valentina Dirindin, autore di Family Go
Tempo necessario: Weekend, 1 giorno
Età bambini:  1-3 anni4-12 anni

“Flaneries” in viola: passeggiate tra profumatissime distese di fiori a un passo dalla città: questo è il momento perfetto per godere delle fioriture dei campi di lavanda nell’Alessandrino e nel Monferrato, organizzando una gita in bicicletta o a piedi tra le colline.

Non serve andare fino in Provenza per godere dei profumi e dei colori dei campi di lavanda in fiore: a un’oretta di auto da Torino, Milano e Genova, nell’Alessandrino e nel Monferrato, in queste settimane (e fino alla fine di luglio) i prati si tingono di un accesissimo viola. E in mezzo a questi colori ci sono borghi bellissimi e poco conosciuti, dove il tempo sembra essersi fermato.

L’idea è perfetta per una gita in giornata in famiglia in queste prime e tanto attese belle giornate, e quell’incanto di colori offre il panorama giusto per delle bellissime foto ricordo. I bambini ameranno correre attraverso le pareti di fiori che riempiono i campi, e i più romantici non potranno tornare a casa senza prima aver fatto un bel mazzolino-ricordo, naturalmente da regalare alla mamma.

La lavanda in Piemonte

Campi di lavanda in Piemonte     Campi di lavanda in Piemonte, gita con bambini

Non tutti sanno che il Piemonte si sta specializzando nelle coltivazioni biologiche e biodinamiche di lavanda, producendo ad esempio olii essenziali che vengono esportati proprio in Francia, là dove siamo abituati a immaginare le tanto famose distese di fiori viola.

Se vi interessa approfondire l’argomento, il posto giusto da visitare è la cooperativa Agronatura a Spigno, dove si coordina la trasformazione di tutta la lavanda della provincia conferita dai soci produttori. Chiamando la cooperativa è possibile prenotare una visita e magari fare un po’ di shopping di acque profumate ed essenze nello spaccio dell’azienda. Non so a voi, ma a me piace sempre l’idea di ritagliarmi, nei posti dove vado, qualche oretta per le spese mamma-figlia e sono sicura che la mia vanitosissima Matilda impazzirebbe all’idea di annusare le boccettine con i profumi dei fiori.

Campi di lavanda in Piemonte, gita con bambini a Spigno     Campi di lavanda in Piemonte, gita con bambini a Spigno

A misura di famiglie, in un giretto a tema lavanda, è anche l’Azienda agricola Cascina Ospedale, ad Alessandria. Qui, come dimostrano i coloratissimi campi in fiore, si coltiva la lavanda sia officinale che ibrida, tutta biologica. Mentre noi mamme compriamo un po’ di prodotti nel punto vendita della cascina, i bambini si possono divertire nella fattoria didattica, dove vengono svolti diversi laboratori per i più piccoli. Si può imparare a fare la farina in un piccolo mulino o si possono, ad esempio, scoprire i diversi semi da piantare (e poi portarli a casa per far crescere le proprie piantine).

Percorsi cicloturistici

Campi di lavanda in Piemonte, gita in bici     Campi di lavanda in Piemonte

Una passeggiata a piedi attraverso i campi di lavanda non è solo divertente, è anche un toccasana: c’è addirittura chi dice che aiuti a scacciare per sempre il mal di testa. Quando si è accompagnati dai bambini, però, è ancora più divertente organizzare una bella gita in bicicletta. Un comodissimo punto di partenza può tranquillamente essere la città di Alessandria (dove tra l’altro gli appassionati delle due ruote troveranno anche un museo dedicato alle biciclette).

Al rientro in città, dopo la pedalata attraverso i campi di lavanda, da non perdere un salto al tramonto sul nuovo ponte Mayer, novità architettonica della città, che è percorribile anche in bici e dà la sensazione di essere sulla tolda di una nave sul fiume Tanaro. Da lì si raggiunge poi la Cittadella di Alessandria,uno dei più grandiosi monumenti europei nell’ambito della fortificazione permanente del XVIII secolo, perfettamente conservata e perfetto scenario per un’avventura in cui le biciclette, con un po’ di fantasia, diventano dei destrieri da cavalcare in un torneo medievale.

A piedi attraverso i campi

Campi di lavanda in Piemonte     Campi di lavanda in Piemonte, big bench

Sono tante le passeggiate in mezzo alla natura che è possibile fare da queste parti: molti anche i percorsi semplici, a prova di bambino, con cose interessanti e divertenti da vedere o fare lungo la strada. Per esempio si può organizzare una caccia al tesoro lungo il percorso tra i due borghi di Cuccaro e Lu, dove sono state disseminate le big bench, enormi panchine che guardano il panorama.

Queste panchine giganti (oltre a essere molto divertenti da fotografare, una volta riusciti nell’intento di arrampicarcisi) faranno sentire i vostri bambini piccoli come dei folletti del bosco e, con un po’ di ingegno, sono moltissime le storie che si possono inventare per farli divertire.

Per esempio si può raccontare loro di come sia stato un gigante a posizionarle lì, per sedersi e godere del profumo dei campi di lavanda in fiore.

A proposito di lavanda, proprio in onore di questi fiori la “big bench” di Cuccaro (la numero 99) è stata colorata di un colore blu intenso che unisce le diverse stesse tonalità di cielo e campi. Anche Lu ospita una Big Bench panoramica, dagli sgargianti colori, dove al lilla si unisce il giallo. Questo piccolo borgo, con i suoi vicoletti, le antiche chiese e gli edifici storici che portano fino alla parte alta del paese (dove si trova il Gerbido della Torre Civica, circondato da un bel parco), è una vera bellezza da visitare. Una terza panchina (la n. 92, di color rosa fucsia, e di sicuro effetto per una foto su Instagram) si trova invece a San Salvatore, vivace cittadina ricca di chiese e palazzi nobiliari, offre la possibilità di passeggiare fino a un bel punto panoramico da cui ammirare le colline circostanti e i campi fioriti: è il sentiero Santuario Madonna del pozzo, un percorso di una decina di chilometri che porta dal centro della città al Torrente Grana, passando dal Santuario della Madonna del Pozzo, risalente al XVIII secolo ed eretto in ricordo di un’apparizione miracolosa della Vergine.

Dove dormire

Villa Cheti – Località Monterosso, Spigno Monferrato. Un agriturismo con coltivazioni frutta e erbe aromatiche a km zero, con camere nella natura e tra le piante officinali coltivate, tra cui lavanda e zafferano.

Agriturismo La Fontana – Lu Monferrato. Un bell’agriturismo con un giardino rigoglioso, perfetto per rimanere nell’atmosfera floreale di una gita tra i campi di lavanda. Nella fontana che dà il nome all’agriturismo i piccoli troveranno anche qualche piccola tartarughina con cui giocare.

Agriturismo Verdita – Merana. Delizioso spazio che intorno alla lavanda ha costruito un’intera proposta turistica. Le finestre delle sue quattro camere (che hanno i nomi di piante e fiori, tra cui ovviamente la lavanda), infatti, si aprono sulla splendida campagna circostante, fatta di prati fioriti, colline, boschi, vigneti e noccioleti. Ma soprattutto, l’agriturismo offre la meravigliosa esperienza di dormire o semplicemente di rilassarsi in una delle “starsbox”, romantiche capanne di legno in mezzo ai campi di lavanda, che permettono di godere a pieno dell’immersione nella natura, senza filtri o mediazioni.

Informazioni pratiche

Per informazioni su percorsi, iniziative e proposte turistiche si può consultare il sito www.alexala.it o scrivere all’indirizzo mail info@alexala.it.

Copyright: FamilyGO. Foto di E. Prati; Pixabay

 

Pubblicato in