Amsterdam. Tutte le tracce portano al Nemo

Vincent Spaccapeli, autore di Family Go

Autore:

Età bambini:  4-12 anni

Tra i canali e le piste ciclabili di una città tutta a misura di famiglia, tra i tulipani olandesi e le barche ormeggiate, alla scoperta di una dimensione in cui bambini e genitori trovano naturalmente spazi, servizi e conoscenza. Nei musei per i bambini, come il Museo delle Scienze Nemo e i grandi musei della città come il Van Gogh Museum, il Rijskmuseum o il Museo Navale che riaprirà quest’estate dopo 4 anni di restauri con mostre a tema per le famiglie. Dormendo in houseboat, pranzando nei cafè con i giochi per i bambini, o facendoli diventare piccoli chef al kinderkookkafe… le sorprese non sono finite qui: ad Amsterdam vi attendono anche le spiagge, le canoe, le bici d’acqua…

Reportage di Vincent Spaccapeli – Viaggio per bambini dai 5 anni – Tempo necessario: 3-4 giorni

Amsterdam/De Dam

Ad Amsterdam i bambini e i genitori sono i veri padroni della città, ovunque si percepisce che gli spazi sono pensati per accogliere la famiglia, agevolare le mamme nelle infinite cure dei più piccoli, assicurare ai giovani viaggiatori piste ciclabili per poter passeggiare e spostarsi all’aria aperta. E’ piacevolmente disarmante la quantità di famiglie che abbiamo incontrato, tutte intente negli spostamenti di routine, shopping e visita alla gelateria o a uno degli infiniti parchi giochi ricavati da ogni singolo angolo di verde pubblico o privato.
La posizione della città offre un clima piacevole in primavera inoltrata, periodo nel quale la luce filtra nel centro storico illuminando le caratteristiche case a mattoncini, gli alberi che seguono i corsi dei canali tornano a coprirsi di foglie e la città diventa un grande e accogliente parco. E’ il momento di salire a bordo delle canoe o delle bici d’acqua, spaziose per tutta la famiglia e solcare il lago nel cuore del parco Amsterdam Bos, il parco ricreativo più importante della città. Non è raro trovare graffiti coloratissimi che segnano il passaggio di piccoli drappelli di bimbi armati di gessetti e carboncini colorati.

Molti bar sono attrezzati con giochi e playground, come il De Pont (www.cafedepont.nl), sulla sponda opposta del fiume. Per raggiungerlo dall’uscita posteriore della stazione centrale si prende il ferry boat, gratuito e velocissimo, che collega instancabilmente le due sponde del fiume (tra l’altro vicinissime). Si può salire direttamente con la bici se siete stati furbi e ne avete affittata una. Per spostarsi in centro, a parte una piacevole camminata tra i vicoli e le stradine affollate di negozi e bar si può sfruttare la rete tranviaria che scorre nel cuore della città senza sosta. I trasporti sono sempre puntuali e frequentissimi, praticamente in ogni momento per qualsiasi direzione. Un’infinità di ristoranti adotta, come è da sempre buona usanza da queste parti, un menù specifico per i bambini e aree divertimento per mangiare e divertirsi.

L’attenzione ai più piccoli da parte della cultura nordica e olandese in particolare ha la sua testimonianza più evidente nel museo delle scienze, il Nemo, un’opera originale dell’architetto Renzo Piano, che ha ricostruito nel ventre di quello che sembra un Nautilus del futuro, un museo interamente dedicato ai bambini. Qui si gioca letteralmente con la scienza, si interagisce con enormi giocattoloni che insegnano ai piccoli i concetti scientifici basilari. Il museo è sempre pieno di scolaresche comitive e famiglie, l’entusiasmo e il coinvolgimento dei bambini è incontenibile, qui tutto si può e si deve toccare, usare, tirare, scrivere e manipolare, un paradiso per la creatività di ogni piccolo apprendista scienziato. Non basta però, ancorato di fronte all’imponente prua verde del Nemo un galeone del XVIII secolo (il VOC della compagnia delle Indie Orientali) aspetta i più piccoli per scoprire “a bordo” i segreti dei pionieri dei sette mari. Cannoni, alberi maestri altissimi, corde ponti e timoni, tutto pronto per un viaggio indimenticabile, Amsterdam, tra canali, tulipani e bambini all’avventura.

AMSTERDAM CARD

Se restate in città per diversi giorni acquistate una Amsterdam Card, costa circa 60 euro, ma vi dà accesso libero alle principali attrazioni della città e alla rete di trasporti comunale, una spesa intelligente per evitare code agli ingressi, usufruire di promozioni e sconti e risparmiare. Si può acquistare online, così arrivati ad Amsterdam non si perde tempo:www.iamsterdam.com/it/i-am/i-amsterdam-city-card

NOTIZIE UTILI

Le famiglie sono sempre ben accette ad Amsterdam, è frequente vedere giovani mamme che si recano al lavoro con i bambini al seguito, la cultura nordica ci ricorda il valore dei più piccoli ma anche l’importanza del rapporto con i genitori, per questo anche nelle aziende si creano spazi dedicati ai più piccoli. Il lavoro non si frappone tra i genitori e i figli, è anzi un’occasione di unione e lo si organizza in relazione alle esigenze delle singole coppie.
Potete confidare nell’educazione e nell’accoglienza degli olandesi, sono sempre pronti a darvi informazioni (addirittura ad accompagnarvi come è successo a noi), non fatevi spaventare dalla lingua, praticamente incomprensibile per gli italiani, in Olanda si parla correttamente l’inglese, anche per i più sprovveduti con un po’ di pazienza e un vocabolario si riesce a fare tutto.

INFO TURISTICHE

www.holland.com/it/

www.iamsterdam.com

Ente turistico Stationsplein 10
1012AB Amsterdam
Tel. +31 20 201 8800 – fax  +31 20 625 28 69
E-mail  info@atcb.nl

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi