Le luminarie a Salerno. Una passeggiata con i bambini tra sorprendenti sculture luminose

Luminarie Salerno, tempio di Poseidone in Piazza Flavio Gioia
Manuela Rosellini, autore di Family Go

Autore:

Tempo necessario: Weekend

Età bambini:  4-12 anni

Dal 9 novembre al 20 gennaio Salerno si veste di luci sfavillanti e coloratissime, che sembrano quasi avvolgerci e trasportarci verso i luoghi della fantasia. Ecco le tappe della nostra passeggiata formato famiglia attraverso le più scenografiche installazioni della 13° edizione delle luminarie di Salerno.

Arrivare a Salerno in questo periodo dell’anno è un po’ come entrare in un luogo delle fiabe, di quelli che esistono solo nei film o nell’immaginazione dei bambini. Un luogo dove di giorno tutto sembra normale, e di sera ogni angolo si trasforma e si accende come per magia. Le luci d’artista di Salerno trasformano infatti il centro storico della città e noi, come Alice nel Paese delle Meraviglie, ci siamo fatti stupire dai continui cambi narrativi, dall’infinitamente piccolo e dall’infinitamente grande che qui sembrano incontrarsi nelle tantissime opere d’arte luminosa installate in piazze, parchi, strade e vicoli.

Mare, mito e divina Costiera: il nostro itinerario alla scoperta di Luci d’Artista 2018

Luminarie Salerno, gli angeli al Duomo     Luminarie Salerno, tempio di Poseidone in Piazza Flavio Gioia

Il nostro percorso parte dal Duomo, dove arriviamo che non è ancora completamente buio. Gli allestimenti sono spenti e Alessio si guarda intorno con uno sguardo misto tra curiosità e delusione. Che lasciano il posto al più completo stupore quando, d’un tratto, sopra le nostre teste prendono vita decine di sfere luminose e di angeli volanti. Subito ci dirigiamo verso la piazzetta antistante la Cattedrale, dove campeggia un gigantesco, quasi abbagliante, angelo azzurro.

Luminarie Salerno, gli angeli al Duomo     Luminarie Salerno, Onda in piazza sant'Agostino

Luminarie Salerno, meduse in via Mercanti     Luminarie Salerno, Poseidone in Piazza Flavio Gioia

La nostra seconda tappa è piazza Sant’Agostino, dove ci accoglie un’enorme onda colorata, mentre tra i vicoli e lungo Via Mercanti è un susseguirsi di stelle, meduse e cavallucci marini. Impossibile non restare a bocca aperta e con il naso all’insù, facendo a gara a chi scova il più originale. Ci incamminiamo quindi verso il Tempio di Poseidone (Piazza Flavio Gioia), altra straordinaria installazione in cui protagonista indiscusso è il re del mare. E quando Alessio in lontananza scorge degli scintillanti delfini che sembrano volteggiare tra le acque, ci abbandoniamo a una rilassante passeggiata sul lungomare.

Luminarie Salerno, il lungomare     Luminarie Salerno, Villa Comunale

Luminarie Salerno,     Luminarie Salerno, cascate in piazza Campo

L’aria è fresca e piacevole, e in breve raggiungiamo un’altra perla luccicante, la Villa Comunale, dove ci perdiamo tra delfini, squali e orche in una sorta di acquario luminoso. Ma quello che più conquista Alessio è il lungo tunnel che muta colore in continuazione… “è come entrare nel mare!” sentiamo dire a una bambina, “no, è come entrare in un arcobaleno”, ribatte un altro. Comunque lo vogliate interpretare, è pura poesia per gli occhi.

Luminarie Salerno, fontana in Piazza Campo     Luminarie Salerno, limone in Corso Vittorio

Tra alberi brillanti e cascate di luce c’è ancora il tempo per una passeggiata lungo il corso Vittorio Emanuele, inondato di limoni dorati, prima di rifocillarci con una deliziosa pizza!

DOVE DORMIRE

Vi consigliamo di scegliere uno dei B&B del centro, ce ne sono numerosi e offrono una sistemazione semplice ma molto comoda per girare poi a piedi tra piazze e vicoli. Vi segnaliamo che il centro storico è zona a traffico limitato ed è quindi necessario parcheggiare l’auto in uno dei parcheggi a pagamento limitrofi, o in alternativa arrivare in treno (la stazione centrale è proprio a ridosso del centro).

DOVE MANGIARE

Pizzeria La Smorfia, Piazza Alfano I. A pochi metri dal Duomo offre tantissimi tipi di pizza, arancini, pizza fritta e altre specialità locali in un ambiente luminoso e con cucina a vista.
Ristorante Reginella, Piazza Sedile di Portarotese, 8. Locale curato che propone un menù di specialità locali come la pasta fagioli e cozze, insalate giganti anche di pesce e la sera pizze e panuozzi.

Informazioni Utili

L’edizione 2018 delle luminarie di Salerno, dal titolo “Mare, mito e divina Costiera”, è iniziata il 9 novembre 2018 e dura fino al 20 gennaio 2019. Il primo dicembre viene acceso l’Albero di Natale in Piazza Portanova (che quest’anno, grazie a una speciale apertura, potrà essere attraversato dall’interno); lo stesso giorno viene inaugurato anche il Santa Claus Village presso il Parco dell’Irno, dove incontrare Babbo Natale, volteggiare sulla pista di pattinaggio, fare acquisti tra le bancarelle o deliziarsi tra i tanti stand di street food. Altra attrazione della manifestazione sarà la ruota panoramica, alta 50 metri e con 36 cabine panoramiche. Per restare aggiornati su novità e date, potete consultare i siti lucidartista.comune.salerno.it oppure lucidartistasalerno.com.

Mappa dei luoghi

Salerno si gira facilmente a piedi, il centro storico è abbastanza contenuto e le aree più belle delle luminarie sono quasi del tutto accessibili anche con passeggini; considerate tuttavia che durante i weekend di dicembre è piuttosto affollato. Se volete qualche idea su come muovervi, ecco la mappa del nostro itinerario.

 

LEGGI ANCHEFestival delle luci 2018: dove sono gli spettacoli che illuminano Avvento e Natale

 

 

Copyright: Familygo. Foto di M. Rosellini

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi