Isole Eolie con i bambini, dritte per una vacanza meravigliosa

Giulia Caputi, autore di Family Go

Autore:

Età bambini:  1-3 anni4-12 anni

Tuffate in un mare cristallino, cullate dal vento, ricche di storia e leggende, le Isole Eolie, le isole del fuoco, non mancano di affascinare grandi e piccini per una vacanza in pieno relax. Vi sorprenderanno non solo per la bellezza paesaggistica e per le spiagge bandiera blu, ma anche per la loro storia e per la loro struttura geologica, oltre che per l’accoglienza dei loro abitanti da sempre generosa nei confronti dei turisti. Set naturali per tanti capolavori cinematografici, le Eolie sono state dichiarate patrimonio dell’Umanità dell’Unesco nel 2000.

“C’è un luogo dove poggiate sul mare, stan sette isolette vicine a fumare. Il dio dei sette venti col suo nome le ha chiamate: Isole Eolie dal fuoco plasmate” (da “Filastrocca dei sette vulcani” di Marcella di Benedetto, edizioni Strombolibri 2012).
L’arcipelago delle Eolie è formato da sette isole a nord della Sicilia, tutte molto diverse tra loro: dalle più remote e selvagge, Alicudi e Filicudi, alle più mondane Panarea, Vulcano e Stromboli, alla più “culturale” Lipari con le sue mostre d’arte e rassegne estive, alla più “green” Salina. Ciascuna si presenta con un suo particolare carattere ed è amata da un tipo diverso di turista. Sicuramente sono splendide tutto l’anno, ma per evitare i moltissimi turisti vi suggeriamo l’inizio o la fine dell’estate. Qui vi racconteremo di Lipari, Vulcano e Stromboli, ma promettiamo di fare un tour anche nelle altre!

Le Eolie con i bambini: innanzitutto Lipari tra storia, cultura e mare

cattedrale lipari chiostro nomranno lipari

Lipari è la più centrale tra le sette isole e quindi è la base ideale per girare anche le altre. Il centro storico ci accoglie proprio sul porto e perdendosi tra le sue stradine piene di negozi artigianali e di prodotti tipici si arriva fino al Parco Archeologico, dove si trova la Cattedrale e il complesso Museale.
I bambini apprezzeranno la parte Preistorica e Vulcanologica del Museo, ma merita una sbirciatina anche il Chiostro Normanno dietro la Cattedrale, alla ricerca di animali e piante scolpite tra i suoi capitelli. Il Museo Archeologico Luigi Bernabò Brea comprende anche l’ex Chiesa di Santa Caterina e le celle delle ex prigioni dedicate all’arte contemporanea, dove troverete mostre molto interessanti. Consigliamo sicuramente di fare un tour dell’isola (in macchina, in bici, in bus, in motorino: non vi sarà difficile trovare i noleggiatori) per osservare dall’alto il mare e le altre isole che la circondano. Il panorama mozzafiato su Salina e Alicudi al Santuario della Madonna della Catena a Quattropani siamo certi che vi accompagnerà per moltissimo tempo.

salina vista da lipari alicudi vista da lipari

A Lipari non mancano spiagge per bambini. Le più belle sono a Canneto e Acquacalda. Entrambe bandiere blu 2017, sono spiagge pietrose dove cercare ossidane e pomici.

lipari_Allison RichardsIl divertimento preferito dei nostri bambini è stato proprio quello di fingersi uomini primitivi e rompere le pietre di ossidiana allo scopo di realizzare piccole punte o lance.
Noi siamo stati anche alla spiaggia di Porticello, una spiaggia bianca sotto le ex cave di Pomice, il mare è celeste e la sabbia è bianca splendente: una vera meraviglia!

Da Canneto ci sono molti “taxi del mare” che vi consentiranno di arrivare anche alle spiagge raggiungibili solo via mare; in alternativa è possibile noleggiare barche o gommoni per fare un tour marino dell’isola.

Vulcano: l’isola dalle spiagge nere che sbuffa

vulcano     vulcano stromboli

Vulcano è molto vicina a Lipari, solo 5 minuti di aliscafo. La sua bellezza consiste tutta nel vulcano stesso che sbuffa i suoi gas già dal porto e nella zona dei fanghi (proprio alla destra del porto di Levante). L’odore di zolfo è molto forte e si possono vedere le fumarole in continua attività. Sconsigliamo l’immersione nei fanghi se i bambini sono molto piccoli, così come il bagno nella zona perché l’acqua è molto calda.  Molto interessante è una visita al centro Vulcanologico Marcello Carapezza dell’Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia dove troverete giovani geologi pronti a rispondere a tutte le curiosità dei vostri bambini e, perché no, anche vostre.
sabbie nere vulcanoVulcano è celebre per le spiagge nere raggiungibili a piedi dal porto. Le più famose sono quelle vicino a Vulcanello, collegato all’isola da un istmo di sabbia e lava che ha creato due baie. A Vulcanello è anche possibile fare una piccola passeggiata nella Valle dei Mostri, una piccola valle in cui le rocce hanno preso particolari forme “mostruose”, appunto, levigate dal vento e dal mare in mezzo alle dune di sabbia. Un giro dell’isola è un ottimo modo per vedere da vicino la sommità del vulcano (è possibile anche fare una escursione attorno al cratere), la bellezza del mare, le insenature e le spiagge meno accessibili come la Spiaggia dell’Asino, dalla parte opposta dell’isola a Gelso, Bandiera blu 2017. Come in tutte le isole si possono affittare barche o gommoni per fare il tour via mare e scoprire anche le bellezze sottomarine.

Stromboli: il faro del Mediterraneo

strombolistrade Eolie_stromboli_Allison Richards

Abbiamo deciso di fare una gita a Stromboli perché i vulcani ci piacciono moltissimo e dunque non potevamo proprio perdere l’occasione di vederne uno in continua eruzione. Non è difficile passare da un’isola all’altra perché ci sono continui collegamenti via mare con gli aliscafi. E già dal mare entriamo in contatto la maestosità del cono vulcanico di Stromboli, vero e proprio faro del Mediterraneo. L’arrivo è al Porto di Scari e poi passeggiando si attraversano i principali abitati dell’isola (Scari, San Vincenzo, Ficogrande, Piscità, San Bartolo).

esterno centro operativo stromboli plume_stromboli

Sul lungomare di Scari c’è un altro Centro Vulcanologico del NGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) presidio e centro operativo anche della Protezione Civile. Anche qui vi saranno date informazioni sui Vulcani e su Stromboli in particolare. Stromboli merita sicuramente una visita sul cratere e alla Sciara del fuoco. Le escursioni sono organizzate sia di giorno che di notte con guide esperte e attrezzatura adatta. Potrete trovare l’attrezzatura a noleggio presso alcuni negozi specializzati. Ma se siete in viaggio con bambini piccoli e l’escursione vi sembra faticosa c’è una buona alternativa e, cioè, prendere accordi con L’Osservatorio, ristorante- bar-pizzeria che si trova ai piedi del vulcano, ma in posizione abbastanza elevata per osservarne l’attività. Si raggiunge sia a piedi, sia con il servizio taxi dei proprietari. Si può pranzare con la doppia vista del mare e dello Stromboli e cenare a lume di candela rischiarato solo dai lapilli… scegliete voi. Segnaliamo inoltre che a Stromboli ci sono attività per bambini, in particolare un centro estivo ricreativo pomeridiano organizzato dall’Associazione onlus La scuola in mezzo al mare.

Dove mangiare

Tra i prodotti tipici ci sono: capperi, olive, pesce spada, insalate alla liparota ed eoliane che incontreranno i gusti di tutta la famiglia e, per i più grandi, un buon sorso di Malvasia. Per rinfrescare le giornate, sarete rapiti dalla bontà delle granite fatte con la frutta fresca.
I ristoranti che abbiamo provato:

A Lipari:
Il pescecane
Azienda agricola da Angelo Borrello I sapori dei Nebrodi alle Eolie
Ritrovo Calandra, sul lungomare di Canneto

A Stromboli:
Osservatorio

Dove dormire

Consigliamo uno dei numerosissimi Bed&breakfast o un piccolo appartamento: una buona selezione, isola per isola, sii può trovare su www.eoliando.it.

Come arrivare

In aereo: lo scalo di Catania è collegato con la maggior parte degli aeroporti italiani. Un servizio di pullman permette di arrivare a Milazzo dove prendere la nave. In aereo anche fino a Reggio Calabria, poi in aliscafo per Lipari e Vulcano.
In auto: Autostrada A20 Messina-Palermo uscita Milazzo.
In nave: da Napoli e Civitavecchia per Palermo www.traghettiper-sicilia.it

Consigli di lettura

Incredibili avventure di dei ed eroi che hanno attraversato il Mar Mediterraneo: ecco una selezione di libri per bambini sulla mitologia divisi per età che potrebbe accompagnarvi negli itinerari proposti.

Informazioni turistiche

pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/SIT_PORTALE
www.comunelipari.gov.it/hh/index.php
www.regione.sicilia.it/beniculturali/museolipari/pagina.asp

Aliscafi per le isole: www.usticalines.it, www.siremar.it
Negozio per attrezzatura Trekking: www.totemtrekkingstromboli.com

 

Copyright: Familygo. Foto di G. Caputi, A. Richards (Flickr), Sicilia! (Flickr)

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi