Ferrara: il palio più antico, uno spettacolo irrinununciabile

Redazione, autore di Family Go

Autore:

Lo sapevate che il Palio più antico del mondo è quello di Ferrara? A maggio la città estense si trasforma in una grande festa per tutta la famiglia con mangiafuoco, musici, bandiere e, ovviamente, le corse dei cavalli. Gran finale domenica 27 maggio in piazza Ariostea.

La primavera, si sa, è il momento migliore per mettersi in viaggio alla scoperta della Storia e delle tradizioni. Ecco allora che nei fine settimana di maggio (sabato 12 maggio, domenica 13, sabato 19, domenica 21, venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 maggio) Ferrara spalanca le sue porte a un suggestivo programma di giochi giovanili, antichi giochi, cortei storici e prove di corse coi cavalli fino al gran finale di domenica 27 maggio (ore 16) con il Palio in Piazza Ariostea. Ad oggi i palii contesi in Piazza Ariostea l’ultima domenica di maggio sono quattro: quello verde dedicato a San Paolo per la corsa delle putte, quello rosso di San Romano per la corsa dei putti, quello bianco dedicato a San Maurelio per la corsa delle asine ed infine quello giallo (o dorato) di San Giorgio per la corsa dei cavalli. Segnaliamo anche, il 12 maggio gli Antichi Giochi delle Bandiere e il 13 maggio i Giochi Giovanili delle Bandiere.

Ma l’evento parte ben prima delle date clou di maggio: dal 18 marzo al 1° maggio una Contrada del Palio di Ferrara rende Omaggio al Duca e alla Corte Ducale Estense con un suggestivo corteo che percorre la via principale del Centro Storico della città fino a che, alle 11.30, la Contrada entra nel Cortile del Castello Estense.

Le origini del Palio di Ferrara sono antichissime: correva, infatti, l’anno 1259 e Ferrara festeggiò Azzo VII “Novello d’Este”, marchese della città, vittorioso su Ezzelino da Romano a Cassano d’Adda. Tempo 20 anni e il Palio era già entrato tra le attività ufficiali della comunità con un duplice appuntamento: il 23 aprile in onore di San Giorgio, patrono di Ferrara, e il 15 agosto in onore della Vergine Assunta. Una tradizione ripropostasi ininterrotta fino al ‘600 e che fa capolino nella sua versione più attuale a partire dal 1933.

Il Palio dei giorni nostri è probabilmente molto diverso da quel primo evento del 1259, ma si conferma – oggi come ieri – tra gli appuntamenti più suggestivi della città.
Spari di cannone, mangiafuoco, musici e cortei fanno, infatti, del Palio di Ferrara una vera e propria festa per tutta la famiglia. Il punto migliore da cui godere dello spettacolo? Le tribune, ovviamente, ma ancor di più il prato di piazza Ariostea che consente un’ottima visuale e, al tempo stesso, la possibilità di muoversi liberamente. Dettaglio non trascurabile se si viaggia con bambini piccoli che potrebbero desiderare un cambio di “luogo di osservazione” o un gelato da gustare in uno dei molti bar e gelaterie children-friendly che si affacciano sulla piazza. Una soluzione pratica (oltretutto, la piazza è circondata da un porticato ombreggiato in cui trovare ristoro se il caldo si fa sentire), e flessibile per godere dello spettacolo e soddisfare le aspettative (e le esigenze) di grandi e piccini!

PER INFORMAZIONI

www.paliodiferrara.it

DOVE DORMIRE

Hotel Carlton – Via Garibaldi 93 – Ferrara. In pieno centro storico, è un hotel molto comodo per chi visita la città in famiglia: oltre ad avere spaziose camere con vista sul castello estense, ha anche degli appartamenti con cucina o angolo cottura, in un palazzo antico adiacente l’hotel, ideali per chi desidera soggiornare più giorni, o avere la comodità di preparare le pappe ai bambini piccoli. A disposizione degli ospiti anche le biciclette, mezzo migliore per muoversi a Ferrara, o per gite verso il Po. www.hotelcarlton.net

LEGGI ANCHE: Scopriamo Ferrara in bicicletta con i bambini

Pubblicato in