Alle porte di Berlino: il Parco Naturale del Barnim, vivere la purezza della natura

Heidi Busetti, autore di Family Go

Autore:

Tempo necessario: Weekend

Età bambini:  4-12 anni

Il Parco del Barnim, a breve distanza da Berlino, sa come affascinare le famiglie, coinvolgendo grandi e bambini in fiabe le cui parole sono campi dolcemente disegnati, foreste ricche di fauna selvatica e scintillanti distese d’acqua. Per i più piccoli della famiglia inoltre questo viaggio potrà trasformarsi in una divertente caccia al tesoro sulle tracce dei castori, mentre corrono in un bosco in piena libertà.

Il Parco Naturale Barnim, a nord di Berlino, è nel cuore delle foreste del Brandeburgo. Laghi, paludi che paiono grandi pavimenti verdi da cui spuntano rami dai profili decisi, e i cosiddetti Ackersölle, i piccoli laghi.

Naturpark-Barnim-Photo-Devid-Rotasperti (1)      Naturpark-Barnim-Photo-Devid-Rotasperti (4)

Questi piccoli bacini d’acqua, di forma spesso rotonda, sono la casa dell’ululone dal ventre rosso (Bombina orientalis), una rana verde cosparsa da macchie nere così chiamata per il suo ventre colorato di un rosso vivace. In questo paesaggio che pare una quinta teatrale per una fiaba di fate e folletti, si incontrano i castelli del castoro, dighe fatte con una perfezione che solo Madre Natura poteva donare a questi animali!

Il Centro Visitatori Barnim Panorama

Centro-Visitatori-Barnim-Panorama-Foto-Devid-Rotasperti (1)      Centro-Visitatori-Barnim-Panorama-Foto-Devid-Rotasperti (2)

Questa splendida struttura in legno e vetro, con pavimento in cemento che tanto gli architetti contemporanei amano, è molto più di un luogo per i visitatori del Parco. Oltre a raccontare il territorio fin dalla Preistoria, attraverso filmati multimediali e reperti archeologici, il Centro Visitatori Barnim Panorama custodisce l’Agricultural Museum Wandlitz, composto da grandi sale dove fanno mostra di sé gli strumenti ed i macchinari che i contadini hanno utilizzato lungo i secoli, per coltivare il terreno e raccoglierne i frutti migliori: trattori d’epoca, falci antiche, strumenti di lavoro dove la fatica era la protagonista di ogni giorno, raccontano la vita degli abitanti del luogo, dall’inizio dell’Ottocento ai giorni nostri.

Centro-Visitatori-Barnim-Panorama-Foto-Devid-Rotasperti (3)      Centro-Visitatori-Barnim-Panorama-Foto-Devid-Rotasperti (4)

Un vero percorso didattico, attraverso il quale i bimbi possono conoscere una parte della Storia, terminando l’avventura in una casetta di legno costruita per loro all’esterno del Museo!

La dolce navigazione nel lago di Liepnitz

Navigazione-con-Frieda-sul-Liepnitzsee (1)      Navigazione-con-Frieda-sul-Liepnitzsee (3)

Un panorama di alberi che svettano con le punte fino al cielo, decorando silenziosi le sponde del lago di Liepnitz. Una delicata imbarcazione, il traghetto “Frieda”, che guidata del comandante Andreas Scharschmidt, solca le acque chiare del lago, così pulite da permettere al visitatore di vedere fino a 5 metri di profondità. L’esperienza sul traghetto è di quelle che ti riappacificano con il mondo, grazie alla purezza del paesaggio e alla passeggiata sull’isola “Großer Werder”, cuore del lago dove i tedeschi vanno a trascorrere i week-end in estate e a godersi i colori dell’autunno. I bambini vivranno così un’esperienza singolare, che sa di avventura, sulle acque del lago dove potranno vedere anguille, lucci, scardole, lavarelli e uccelli acquatici come anatre, cigni, folaghe e aironi cenerini…

Il poetico bacino di Biesenthal

Il-bacino-di-Biesenthal-Foto-Devid-Rotasperti (2)      Il-bacino-di-Biesenthal-Foto-Devid-Rotasperti (4)

Volete scoprire le meraviglie del bosco? Conoscere le piante, innamorandovi dei loro segreti? Allora vi consigliamo la passeggiata nel bacino di Biesenthal con l’esperto Julian Beyer  che vi accompagnerà raccontandovi i segreti del bosco, mostrandovi grandi querce (qui abbiamo scoperto la differenza tra Quercia Europea e Quercia Americana), lontre, castori e le cicogne bianche… con una speciale sorpresa finale!

Il-bacino-di-Biesenthal-Foto-Devid-Rotasperti (5)      Il-bacino-di-Biesenthal-Foto-Devid-Rotasperti (6)

Sotto una struttura di legno a forma di casetta, Julian apparecchierà la tavola con tanto di tovaglia a quadretti per un pic-nic a base di specialità del luogo: tra le altre, salsicce di cervo, una eccezionale mostarda fatta in casa, uova e pane che ricorda i profumi di una volta. Il tour può essere in tedesco o in inglese.

In bicicletta nel Barnimer Feldmark

In-bicicletta-nel-Barnimer-Feldmark-Foto-Devid-Rotasperti-Photographer (2)      In-bicicletta-nel-Barnimer-Feldmark-Foto-Devid-Rotasperti-Photographer (3)

Se amate perdervi tra i sentieri del bosco e ammirare paesaggi immersi nella quiete, non potete rinunciare ad un tour in bicicletta nel Barnimer Feldemark, perfetto per un giro in famiglia grazie al suo territorio pressoché pianeggiante. Diversi sono i sentieri che potete prendere, distinti per colore e numero e ben segnalati da frecce e cartine lungo il percorso. Partendo dal villaggio Biesenthal – dove sarà possibile noleggiare pratiche e-bike – potrete dirigervi nel Parco Naturale del Barnim in direzione nord, per percorrere la pista ciclabile “Berlino-Usedom”, per poi sboccare sullo storico canale Finow, la più antica idrovia artificiale ancora navigabile!

In-bicicletta-nel-Barnimer-Feldmark-Foto-Devid-Rotasperti-Photographer (6)      In-bicicletta-nel-Barnimer-Feldmark-Foto-Devid-Rotasperti-Photographer (8)

Pedalare nel silenzio e nella tranquillità, tra alberi ad alto fusto che svettano fino al cielo e querce secolari, sarà un’esperienza edificante, un momento ludico e rilassante per tutta la famiglia.

INFORMAZIONI UTILI

Il Parco del Barnim si estende per circa 750 chilometri quadrati ed è un’area protetta del Brandeburgo, situata a circa 40 minuti da Berlino. Per il tipo di viaggio, consigliamo il fly and drive ricordandovi di portare un paio di scarponi e un paio di scarpe comode da utilizzare quando salirete in macchina, così da non sporcare troppo i tappetini di terra (noi abbiamo avuto questioni con l’autonoleggio, che ci ha chiesto 50 euro in più a consegna dell’auto avvenuta, solo per pulire i tappetini).
Ovviamente, è necessario un abbigliamento sportivo, così che possiate godervi appieno l’esperienza.

DOVE DORMIRE

La-suite-di-J+ñgerheim-+£tzdorf-Foto-Devid-Rotasperti(1)      La-suite-di-J+ñgerheim-+£tzdorf-Foto-Devid-Rotasperti

Jägerheim Ützdorf – Wandlitzer Str. 12 – Wandlitz. L’hotel ha camere confortevoli (la suite ha anche un antico baldacchino in legno), ed un ristorante dall’atmosfera calda ed accogliente. Nel menù protagonisti sono piatti della tradizione tedesca, sia di carne che di pesce, serviti con cura, dal sapore deciso ma non troppo. L’hotel è perfetto come punto di partenza per visitare il Parco del Barnim, raggiungendo i punti più suggestivi.

DOVE MANGIARE

Restaurant-Seeschloss-Photo-Devid-Rotasperti (2)      Restaurant-Seeschloss-Photo-Devid-Rotasperti (3)

Restaurant Seeschloss – Am Obersee 6 – Wandlitz. Un ristorante raffinato alle cue pareti sono appese le fotografie di tante celebrità che di qui passarono. I piatti, sia di pesce che di carne, sono ottimi e abbondanti e la birra è servita a temperatura perfetta. Nello staff c’è anche un cameriere che parla italiano, che saprà consigliarvi al meglio sulle portate!

Info turistiche

www.barnim-naturpark.de
www.germany.travel/it

Copyright: Familygo. Foto di Devid Rotasperti Photographer.

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi