Viaggiare nel Regno Unito dopo la Brexit: che documenti servono

Sembrava lontanissima la data, invece il 1 gennaio 2021 è arrivato in un lampo. Il Regno Unito non fa più parte dell’Unione Europea. Guida a destra, banconote e monete con l’effigie della regina, prese elettriche totalmente diverse. Che l’Oltremanica fosse già un pochino un mondo a parte si è sempre saputo. Non resta che capire che documenti servono per viaggiare in Inghilterra e Scozia.

Al di là delle questioni economiche e delle ripercussioni politiche della Brexit, che a noi cittadini italiani toccano fino a un certo punto, la domanda che tutti gli amanti dei paesaggi inconfondibili del Regno Unito – dalle scogliere bianche di Dover, ai villaggi delle Cotswolds passando per le Highlands scozzesi – si stanno ponendo è molto concreta. Ovvero: “Serve il visto per viaggiare in Inghilterra?”

Che documenti servono per viaggiare in Inghilterra?

Cotswolds con bambini, Bibury    I luoghi di Harry Potter, castello di Alnwick

Già prima del 1 gennaio 2021, alle dogane aeroportuali del Regno Unito era sempre meglio essere muniti di passaporto. Ora è diventato quasi indispensabile. “Quasi” perché l’obbligo effettivo di avere il passaporto per chiunque voglia recarsi nel Regno Unito, sia per vacanza che per lavoro, sarà dal 1 ottobre 2021. Questo significa che se avete pensato di andare a Londra in estate, tanto per fare l’esempio più classico, potrete ancora usare la normale carta d’identità fino al 30 settembre 2021. Che però deve essere in ottimo stato e perfettamente leggibile. Se avete già il passaporto, scegliete comunque di viaggiare con quello, vi renderà più snella la procedura in dogana. Il passaporto deve essere valido per tutta la durata del soggiorno.

L’altra domanda che in tanti si chiedono è: “Serve il visto per viaggiare nel Regno Unito?“. La risposta è no. A chi proviene dall’Unione Europea come turista non serve nessun visto. Le cose potrebbero cambiare nei prossimi anni ma, per ora, chi arriva come turista in Inghilterra e vi rimane per un periodo inferiore ai sei mesi non ha bisogno di visti o di documenti particolari.

Una precisazione forse superflua ma sempre utile: per Regno Unito si intende Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord.

Info utili

Per tenervi aggiornati sulle ultime novità riguardanti il Regno Unito, consultate il sito ufficiale Visit Britain. Tenete presente che dal 1 gennaio 2021 non vale più la tessera sanitaria europea nel Regno Unito. Vale quindi la pena fare un’assicurazione di viaggio prima di partire.

Per lasciarvi ispirare per i vostri itinerari in Gran Bretagna, visitate la sezione dedicata del sito, con tanti spunti e idee per un viaggio oltre la Manica.

Copyright: Familygo. Foto: Canva, Visit Britain, L.Dorinzi

Pubblicato in