Trapani mare: una vacanza con la famiglia tra Selinunte e Mozia

Patrizia Bertini, autore di Family Go

Autore:

Tempo necessario: 1 settimana, Weekend

Età bambini:  1-3 anni4-12 anni13-18 anni

Quando parlo della Sicilia, non riesco a trattenere l’entusiasmo. Sarà per la brezza che porta il mediterraneo, sarà per le granite, per il gelato alla mandorla, per i tanti bei romanzi che ho letto di Dacia Maraini, ma la Sicilia ha per me un fascino travolgente. E dopo un lungo inverno di letargo, vissuto in una fredda e umida città del nord, il sole del sud è la panacea per un riequilibrio totale. Per non parlare delle spiagge, del mare azzurro, delle stelle… a descrivere la mia vacanza, mi viene solo voglia di ritornarci!

Siamo partiti con altre due famiglie, tutti con bambini piccoli. Chi, come noi ha scelto di arrivarci in aereo affittando l’auto, chi invece si è imbarcato a Napoli sul traghetto con la propria auto (noi siamo arrivati decisamente più freschi e riposati!). Destinazione Selinunte, il mare della Sicilia Sud-Occidentale, nella provincia di Trapani.

Trapani mare con i bambiniTrapani mare con i bambini Saline

E’ una zona dove la natura è protagonista, fortunatamente protetta da riserve naturali o oasi WWF. Lungo la costa si trovano paesaggi intatti, come nella Riserva Naturale della foce del Fiume Belice caratterizzata da dune e canneti, dove le belle e lunghe spiagge di sabbia dorata sfiorano un mare azzurro cristallino. Le zone protette sono intervallate da piccoli centri residenziali e da più importanti cittadine, antichi porti di pesca del Mediterraneo. Parlo di Sciacca, Mazara del Vallo, Marsala e poi Trapani, il capoluogo che chiude a Ovest il nostro itinerario. Tra queste meravigliose città, che conservano scorci di storia e di cultura antica tutt’oggi ben preservata, si incontrano dei gioielli immensi: incommensurabile è infatti il valore dell’area archeologica di Selinunte che ci riporta ai tempi della Magna Grecia, e allo stesso modo quel luogo arcano che è l’isola dell’antica città di Mozia, che ci fa rivivere le gesta dei fenici, inserita all’interno della Riserva delle Isole dello Stagnone, circondata dalle saline tutt’ora attive e dai mulini a vento.
A un così vario e affascinante panorama naturalistico sul mare, fanno da cornice all’interno dolci declivi sui quali sono adagiate immense distese di vigne e di ulivi.

Cosa vedere assieme ai bambini…

Trapani mare con i bambiniTrapani mare con i bambini paesaggio del Belice

Partendo dal presupposto che qui tutto è per bambini – la cultura non ha età – vi segnalo le principali attrazioni della zona da visitare.
Marsala. Che sbigottimento avrebbero i vostri bimbi di fronte a un grande pesce spada al porto di Marsala? O vedere arrivare la mattina i pescatori che appoggiano quintali di gamberetti e altri pesci sulle banchine?
Perdetevi nelle stradine del centro, dove vi fa voglia tutto! La gastronomia è eccellente. Acquistate il tonno sott’olio, ma esclusivamente quello in vaso di vetro, è più buono. Anche i ristoranti nei vicoletti con i tavolini esterni mettono l’acquolina in bocca, qui è la patria della pasta con il pesce! Attenzione alle porzioni, sempre molto abbondanti… la generosità siciliana si mostra anche in questo.
Mazara del Vallo. Da non perdere nel centro città il Museo del Satiro, dedicato alla preziosa statua in bronzo di arte greca che raffigura il Satiro Danzante, sulla quale hanno costruito un moderno museo, che conserva vari altri reperti ritrovati nel canale di Sicilia.

Trapani mare con i bambini SelinunteTrapani mare con i bambini Selinunte

Selinunte. I templi greci in Sicilia hanno un impatto monumentale uguale solo alle piramidi egizie e a San Pietro. Il fascino di quelli di Selinunte è dato anche dal fatto che sono circondati da natura, da mare e da spiagge, e sono stati preservati da inquinamenti di natura edilizia. Qui i bambini più piccoli, non capendo bene dove sono, salgono sopra i massi di pietra che hanno 2500 anni, giocano a nascondino e non si riesce a fermarli (un po’ di attenzione da parte dei genitori è necessaria). Per i più grandi la visita vale molto più di tante pagine sui libri di storia. L’area archeologica è enorme, ma per fortuna c’è un trenino che trasporta i visitatori dall’ingresso ai templi e ritorno. Un ultimo consiglio: andateci il pomeriggio verso il tramonto dopo una bella giornata di spiaggia, farete delle foto stupende.

Trapani mare con i bambini saline di MoziaTrapani mare con i bambini saline di Mozia mulino

Mozia e le saline dello Stagnone. La gita a Mozia prende l’intera giornata. Per raggiungerla si sale su una barca che attraversa le saline e i mulini a vento, luogo dalla scenografia davvero suggestiva! Andateci con i costumi da bagno, perché dopo aver visitato la Villa Whitaker, divenuta museo con bellissimi reperti di epoca punica, come la statua del “Giovinetto con Tunica”, ci si può bagnare nelle tiepide e basse acque del “Choton”, il piccolo porto artificiale dell’antica Mozia. L’unico bar dell’isola offre granite, gelati, panini e bibite dissetanti. Qui trovate gli orari degli imbarchi per Mozia.

Trapani mare con i bambini saline di Mozia museoTrapani mare con i bambini Gibellina

Ma le attrazioni non sono certo finite. Vi aspettano: itinerari naturalistici nelle oasi WWF e nelle riserve protette (a periodi si avvistano sulla spiaggia di Selinunte le tartarughe caretta caretta), arte nelle cittadine come Salemi, Trapani, Castelvetrano, la casa di Tomasi di Lampedusa, autore del Gattopardo, a Santa Margherita del Belice dove fanno spettacoli durante l’estate. A Gibellina, città ricostruita dopo il terremoto, con l’apporto di grandi artisti, si trova il Museo delle trame, è un piccolo museo che mi è piaciuto molto, che mette in luce la cultura del Mediterraneo attraverso ceramiche, tessuti e gioielli provenienti dai paesi che si affacciano sul mare.

E il mare…

Mi chiederete del mare se giustamente ci andate in estate. A Trapani, nella zona di Selinunte, l’acqua del mare è azzurra e cristallina e le spiagge sono ideali per i bambini con litorali di sabbia o di sassolini, e il mare è abbastanza degradante per essere nel Mediterraneo. Un altro lato molto positivo, oltre alla bellezza dei paesaggi, è che anche in pieno agosto si trova sempre uno spazio per mettere il proprio ombrellone, a debita distanza dagli altri. E poi ci sono diverse spiagge immerse nella natura incontaminata e distanti dai centri abitati, da scovare giorno dopo giorno, per scoprire quale ci piace di più. Non aspettatevi lidi sul mare attrezzati come a Rimini. Qui la vacanza è più semplice, e si gioca con la natura. Ci sono comunque bar e luoghi di ristoro nei principali lidi.

Dove soggiornare

Si trovano lungo la costa vari centri residenziali affacciati sulla spiaggia, dove affittano case vacanze con giardino o appartamenti in residence. Vi sono anche dei rari alberghi. Sui privati fate attenzione perché si può incappare in catapecchie, ma non è la regola per fortuna, diversi privati hanno invece restaurato le proprie case per offrirle ai turisti.
I Lidi principali della zona del Belice e Selinunte sono Lido Fiori, Marinella, Porto Palo, Selinunte e Tre Fontane.

La gastronomia

Trapani mare con i bambini trattori BeliceTrapani mare con i bambini mucche Belice

E’ l’ultimo paragrafo, ma è indiscusso che la cucina qui sia tra le migliori d’Italia. Zona prevalentemente dedicata alla pastorizia, all’agricoltura e alla pesca, propone prodotti locali di altissima qualità e freschezza. Le verdure, l’olio, il vino, le carni, il formaggio pecorino e il pesce si posso comprare direttamente dai produttori: a noi staccavano le zucchine dalla pianta al momento delle richiesta. Al porto di Marsala si acquista il pesce dalle barche, oltre che al mercato.
Zona importante per i vini oltre che per il pesce. Marsala è il centro di un vasto commercio mondiale (eletta Città Europea del Vino 2013), tuttavia si sono evoluti negli ultimi anni anche i vini del Belice, con etichette di riguardo.

Si mangia bene ovunque, con prezzi sotto la media nazionale, e porzioni sempre molto abbondanti, tanto che si va anche in famiglia volentieri al ristorante. Le squisitezze: la pasta in tutte le salse, particolare quella con il pesce spada e le melanzane (preferite i locali dove preparano pasta fatta in casa), la caponata, il pesce anche questo cucinato in tutti i modi, l’agnello.
Non parlo dei gelati e dei dolci, perché sono il mio punto debole, vi lascio immaginare…

INFORMAZIONI TURISTICHE

Sito ufficiale della Provincia Trapani: www.turismo.trapani.it

 

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi