A Strasburgo con i bambini: il fascino dell’Alsazia a loro misura!

Erika Fasan, autore di Family Go

Autore:

Età bambini:  4-12 anni

Strasburgo, capoluogo dell’Alsazia e capitale politica d’Europa, si rivela ai nostri occhi una città da visitare anche con i bambini che qui trovano cultura, scienza, natura e divertimento nella suggestiva cornice di una città secolare.

erikadi Erika Fasan, viaggio per bambini da 3 anni

Nel cuore dell’Europa continentale, più o meno a metà strada tra Parigi e Praga, Strasburgo ci accoglie con la sua atmosfera cosmopolita e la sua fama di Capitale d’Europa (non a caso qui ha sede il Parlamento Europeo). E proprio come Parigi anche Strasburgo è ancora più bella se scoperta a bordo di un battello che solca i canali che circondano la città vecchia.

Strasburgo-ph-OTSR-Place-des-Tripiers  Strasburgo-ph-OTSR-Ponts-Couverts

E questa non è nemmeno l’unica similitudine con la capitale francese! Pensate che uno dei posti più amati del capoluogo alsaziano, uno di quelli che i turisti non si lasciano mai scappare, è la bellissima cattedrale di arenaria incisa e scolpita che si chiama… Notre-Dame! Sono serviti secoli per realizzarla, ma la sua bellezza non ha ancora finito di stupire.

strasbourg-bateau-mouche-petite-france-ph-Atout-France-Michel-AngoStrasburgo-ph-OTSR-Musee_de_lOeuvre_Notre-Dame-Philippe_de_Rexel

E i paragoni potrebbero continuare: il cuore della città su un’isola del fiume che la attraversa, la ricchezza di musei (tra i luoghi da vedere il Palais Rohan che ospita ben tre istituzioni museali: il Museo archeologico, il Museo delle Arti Decorative e il Museo delle Belle Arti) e la presenza di quartieri turistici per eccellenza, come la Petite France (dal 1998 sito Unesco Patrimonio dell’Umanità) dove passeggiare senza il disturbo delle auto, ammirando le case alsaziane e apprezzando il grande mix culturale che è Strasburgo. E vogliamo parlare dei negozi che offrono di tutto e di più (cucine italiane, abiti africani, gioielli tibetani, arredamento arabo), delle librerie fornitissime (a Place Kleber troviamo la libreria Kleber, che offre tutti i manga e tutti i fumetti possibili in francese, e la libreria Gallimar con libri da tutto il mondo) o dei localini in cui mangiare e assaggiare i piatti più disparati, dai vegetariani ed ecologici agli etnici, con qualche buon ristorante italiano che non guasta mai?

Parlement Européen IPE4strasbourg-Palais-des-Droits-de-l-Homme-ph-Atout-France-JF-Tripelon-Jarry

Ma la specificità della città va cercata più che in una qualche somiglianza con Parigi nel suo essere – come già anticipato – uno dei luoghi simbolo dell’Europa unita e del sogno che essa rappresenta. Imperdibile allora un passaggio attraverso le sedi delle istituzioni europee: il “Lieu d’Europe” (un vero centro di educazione alla cittadinanza europea), il Palazzo dei Diritti dell’Uomo (progettato – e le analogie continuano – da uno degli autori del Beaubourg di Parigi), il Parlamento Europeo e il Consiglio d’Europa. Interessante anche il quartiere attorno al Parlamento Europeo, anche se non si tratta di una zona turistica: conserva, infatti, inalterati (e sopravvissuti ai bombardamenti della guerra) palazzi ed edifici del primo Novecento.

Cosa vedere a Strasburgo con i bambini: le attrazioni museali

Strasburgo-ph-OTSR-Palais_Rohan-Philippe_de_RexelStrasburgo-Musee-Archeologique

Ma visto che il nostro è prima di tutto un viaggio coi bambini è bene dire fin da subito che sono molte le attività per famiglie nei musei organizzate nell’ambito di Palais Rohan e di altre istituzioni cittadine. -Questo per rendere le visite più interessanti anche per i piccoli visitatori.
La prima domenica di ogni mese (dalle 14.30 alle 17.30), ad esempio, i musei di Palais Rohan propongono gratuitamente dei giochi da fare in famiglia. E proprio qui il Museo Archeologico, il più esteso di Francia porta i bambini a conoscere la storia dei Galli e dei Romani: faranno un bel ripasso, ma soprattutto… scopriranno da dove vengono Asterix e Obelix! Magari prima di partire leggete i famosi fumetti.
Mentre al Musée Alsacien potranno conoscere le tradizioni della splendida Alsazia: in questo museo d’arte povera sono infatti conservati costumi, ceramiche, mobili, oggetti religiosi e giochi. Sarà curioso – per i vostri figli – confrontare i loro giocattoli con quelli dei bambini vissuti qualche secolo fa… Per rendere ancora più interessante la visita il museo mette a disposizione dei visitatori, soprattutto dei più piccoli, una “valigia” con fumetti e altri oggetti che immergono tutta la famiglia nella vita nella campagna alsaziana.
Una panoramica delle attività per famiglie in questa pagina: www.musees.strasbourg.eu/index.php?page=musees-en-famille

strasburgo-le-vaisseau-credit-Denis-Guichotstrasburgo-le-vaisseau-ingresso-credit-Jean-Luc-Stadler
Destinazione principale e davvero imperdibile i bambini è però Il Vascello, un centro dedicato alla scoperta delle scienze attraverso supporti interattivi manipolabili anche dai più piccini, film in 3D e numerose altre attrazioni. Qui tutti i visitatori dai 2 ai 14 anni hanno davvero 1000 cose da sperimentare e anche i papà si mostrano spesso entusiasti, tanto che la direzione ha riservato il cantiere in cui si possono costruire le case ai bambini di età inferiore ai sei anni e lo ha espressamente vietato ai “babbi troppo volenterosi”.Tra gli universi proposti ed esplorati, infatti, troviamo i temi dell’edilizia, dell’acqua, del corpo umano, del mondo animale, dei segreti del suono e dell’immagine e un grande giardino di 5.000 mq. Il Vascello è chiuso per lavori fino al 5 novembre incluso: poi riaprirà ancora più ricco e interessante! www.levaisseau.com

Strasburgo-Musee-Tomi-Ungerer-espace-lacture Strasburgo-atelier-terrace-Musee-art-contemporaine

E ancora, a Strasburgo è nato nel 1931 Tomi Ungerer, un famosissimo illustratore di libri per l’infanzia. A lui oggi è dedicato l’omonimo Museo Tomi Ungerer, che offre una mostra permanente con 250 sue opere, periodicamente rinnovate, e che accoglie anche opere di altri autori per consentire uno sguardo d’insieme più completo del contesto artistico del XX e del XXI secolo. Qui trovate altre informazioni.
Da non perdere anche il Museo di Arte Moderna e Contemporanea, per la qualità delle opere conservate, ma anche per la terrazza panoramica da cui si gode di una vista magnifica sulla Petite France.

I parchi e gli zoo: giocare nel verde e osservare gli animali

Strasburgo-ph-OTSR-Orangerie_kiosque-Philippe_de_RexelStrasburgo-Musee-Zoologique

Tra i parchi cittadini, dove trascorrere piacevoli ore a contatto con la natura, meritano un’attenzione particolare il Parc de l’Orangerie (che regala ai piccini giostre, un circuito di auto d’epoca, una mini-fattoria e uno zoo a ingresso gratuito), quello di Pourtalès nel nord est della città, quello di Heyritz (che costituisce una delle grandi aree verdi di Strasburgo ed è attraversata da canali e percorsi ciclabili e pedonali) e il Parco della Cittadella, di ben 12 ettari. Agli amanti della natura consigliamo anche, ovviamente!, il Museo Zoologico di Strasburgo, che riproduce diversi habitat naturali, da quelli polari a quelli africani, e ospita – oltre a specie rare di animali – anche mostre temporanee e laboratori didattici: www.musees.strasbourg.eu

Divertimento allo stato puro

E se uno dei vostri obiettivi è quello di lasciar sfogare i bambini “lanciandoli” in un vortice di divertimento e adrenalina ecco una lista di luoghi davvero da capogiro!
Ci si diverte all’Iceberg, la pista di pattinaggio sul ghiaccio aperta tutto l’anno, dove si può praticare anche il karting su ghiaccio e al Kart Indoor Chrono, un complesso di piste da kart al coperto (www.kartindoorchrono.fr).
Ma ci si diverte anche al Natura Parc di Ostwald, che offre un mondo di avventure a soli 5 minuti dal centro città: è facilmente raggiungibile in auto, pullman e tram e propone ai visitatori (è aperto ai bimbi a partire dai tre anni) percorsi nella natura, animazione e la possibilità di praticare numerosi sport e altrettante attività. www.naturaparc.com
O al Total Jump, la nuova attrazione acquatica che suggeriamo agli amanti delle emozioni forti: il water jump permette di lanciarsi con un salvagente da una pista da slitta estiva, mentre il blogging è un grande cuscino gonfiabile su cui ci lancia dall’alto di un’impalcatura.
O ancora al centro ricreativo per famiglie (con bambini da 1 a 12 anni) Tubi Tuba, dove ci attende la possibilità di saltare, dondolare, tuffarsi, giocare e praticare oltre 600 attività diverse: www.tubi-tuba.fr

Una città, molti modi per scoprirla

Strasburgo-ph-OTSR-mini-tramStrasburgo-ph-OTSR-Velo-Petite-France

A piedi, in pullman o in bicicletta… voi scegliete il mezzo di trasporto, poi a mostrarvi Strasburgo e la sua storia secolare ci pensano le guide autorizzate che propongono visite individuali o di gruppo. Per chi invece preferisce muoversi in autonomia e seguendo i propri ritmi un’ottima soluzione sono le audio guide (disponibili anche in italiano) che permettono di visitare il centro storico scoprendone luoghi e aneddoti e che possono essere noleggiate per circa tre ore.
Tra i mezzi con cui visitare la città, curiosi e alternativi ai consueti sono i mini-tram che partono dal lato nord della Cattedrale e che attraversano il centro storico e la Petite France, i pattini (si possono noleggiare nei medesimi luoghi in cui si prendono a noleggio le bici, ottime per passeggiare tra parchi e canali visto che Strasburgo vanta la più grande rete di piste ciclabili in Francia), i battelli e i segway.
Ottimi e convenienti anche lo Strasbourg-Pass e lo Strasbourg-Pass Junior che (al costo rispettivamente di 16.90 € per gli adulti e di 8,45 per i bambini) aprono per tre giorni al visitatore le porte della città consentendo l’accesso a musei e altri siti di interesse o attrazioni imperdibili. www.ot-strasbourg.fr/it/

Come arrivare

Arrivare è facile. A Strasburgo, infatti, si arriva in treno praticamente da dovunque e la linea TGV collega la città a Parigi in sole due ore. Se invece preferite l’aereo, l’aeroporto internazionale Strasbourg-Entzheim dista solo 10 km dalla città e un treno navetta lo collega alla stazione in nove minuti.
E una volta a destinazione sarà piacevole scoprire come tutto qui sia facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici e come il servizio di tram sia davvero ottimo.

Dove dormire

Una lista di hotel consigliati per famiglie è disponibile nel sito del Turismo di Strasburgo
www.ot-strasbourg.fr/it/il-vostro-soggiorno/in-famiglia.html
Noi aggiungiamo anche l’Hotel Holiday Inn Express, nelle vicinanze del centro storico, che propone ampie camere familiari, che accolgono fino a quattro persone.
www.ihg.com/holidayinnexpress/hotels/it/it/strasbourg/sxbex/hoteldetail

Mappa dei luoghi

Google Maps

Info turistiche

http://it.rendezvousenfrance.com/
www.ot-strasbourg.fr/it
www.musees.strasbourg.eu
http://www.tourisme-alsace.com/
http://www.alsace-des-petits.fr/

LEGGI ANCHE: Le meraviglie del Natale in Alsazia con i bambini

 

Copyright: Atout France http://it.rendezvousenfrance.com; OTST ot-strasbourg.fr/it; Musées de la Ville de Strasbourg ph. Klaus Stoeber http://www.musees.strasbourg.eu; Le Vaisseau

 

Pubblicato in

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi